FORTE DEI MARMI. Poteva essere la domenica del primo tassello di un’eventuale fuga da primi in classifica, in beata solitudine. E invece è stata la giornata del primo ko dopo quattro successi consecutivi tra Coppa e campionato. Una battuta d’arresto che non solo frena la corsa del Real Forte dei Marmi Querceta, ma che consente alle inseguitrici di agguantare il primo posto. Comprensibile che l’allenatore bianconerazzurro Maurizio Cerasa sia scontento dopo lo 0-1 patito contro il Pietrasanta.

“Siamo rammaricati di perdere così, a causa di un rigore inesistente”, esclama subito Cerasa. Che però non si nasconde dietro l’alibi dell’arbitraggio: “Nel primo tempo siamo stati surclassati sul piano del ritmo: loro spingevano molto sugli esterni, noi facevamo fatica a ripartire. E quando poi abbiamo avuto due possibilità per fare gol abbiamo sbagliato miseramente.

“Negli ultimi 15 minuti abbiamo provato a spingere e a cercare la vittoria. Peccato per quel rigore, anche se il calcio di punizione che lo ha generato è stato frutto di un nostro errore”.

Con il senno di poi, forse, l’impiego di Alessandro Remedi al posto di Vannucchi fin dal primo minuto e con un più bilanciato 4-4-2 avrebbe cambiato la storia della sfida: “Abbiamo provato a giocare così, con Vannucchi a sostegno dei due attaccanti, ed è andata com’è andata. Ma è troppo facile ragionare con i ‘se’ a partita conclusa…”.

(Visitato 23 volte, 1 visite oggi)

Della Bona si gode il primato: “Vittoria meritata, i ragazzi hanno tirato fuori cuore e gambe”

Gori vuol dire vittoria. Seravezza di misura sul Marina La Portuale