FIRENZE. “A fronte dell’apposizione della fiducia da parte del Governo sul Jobs Act, è necessaria un’immediata, forte risposta dai luoghi di lavoro, attraverso ordini del giorno, fermate e scioperi aziendali con assemblee”, ha indicato la segreteria della Cgil nazionale dopo l’incontro di Susanna Camusso col premier Renzi. E la Toscana risponde: scioperi, presìdi, iniziative in preparazione in decine luoghi di lavoro, da domani, in tutta la regione, in ogni provincia.

La segreteria Cgil di Massa Carrara invita tutte le categorie a proclamare tramite le Rsu nella mattina di domani fermate con scioperi, assemblee e tutte le iniziative che permettano il dissenso all’interno e all’interno dei luoghi di lavoro (in Provincia si riuniranno i lavoratori del pubblico dalle 11 alle 13). Dalle 11 alle 13 sciopero alla sede della Cgil provinciale, alle ore 10 c’è un presidio fuori dal Nuovo Pignone.

La Cgil dell’Empolese-Val d’Elsa, a seguito della decisione del Governo di porre la fiducia sulla Legge delega in materia di riforma del lavoro, proclama per domani mercoledì 8 ottobre 2014 quattro ore di sciopero generale di tutte le categorie, con le seguenti modalità: giornalieri intera mattinata; turnisti ultime 4 ore di ogni turno. Modalità diverse potranno essere decise dalle Rsu. Durante lo sciopero i lavoratori sono invitati a partecipare al presidio che si terrà in Piazza della Vittoria dalle ore 11.

La Segreteria della Fiom Cgil di Firenze, a seguito della decisione del Governo di porre la fiducia sul Jobs Act, dichiara per la giornata di domani mercoledì 8 ottobre 2014 due ore di sciopero generale di tutti i metalmeccanici della provincia di Firenze.

La Fiom di Lucca invece ha indetto lo sciopero per il 10 ottobre al grido di “no all’abolizione dell’articolo 18, no al Jobs Act, no alla desertificazione industriale del territorio”: la convocazione è alle 7 di mattina davanti a tutti i luoghi di lavoro, tra cui alla Kme, mentre dalle 9 poi è previsto un concentramento al cantiere navale Benetti di Viareggio. A discrezione delle Rsu le due ore potranno essere impiegate per svolgere assemblee informative oppure con presidi davanti ai cancelli. Dice la Fiom fiorentina: “Non accettiamo che il Governo abbia scelto di porre la fiducia su questioni così rilevanti che riguardano migliaia di lavoratrici e lavoratori, precari, giovani e meno giovani. Sui diritti sociali di persone in carne ed ossa non si può decidere con un atto di imperio”.

Domani al Pignone di Firenze è prevista un’assemblea generale con sciopero in sala mensa dalle 9,30 alle 10,30.
Al parco industriale Solvay a Rosignano è in programma per domani una iniziativa che coinvolgerà Ineos e le ditte di manutenzione.

La Filcams Cgil di Firenze dichiara due ore di sciopero a fine turno di lavoro per domani mercoledì 8 ottobre. Le Rsa Filt della Koinè e quelle della Glc di Montopoli hanno approvato un documento di sostegno alla mobilitazione, così come Rsu Università di Firenze, Comitato degli Iscritti Università di Firenze – Flc-Cgil, Coordinamento Rsa Appalti Università di Firenze – Filcams-Cgil. Alla Gkn e a Easy Group domattina ci sarà uno sciopero.

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)
TAG:
cantieri benetti filcams cgil jobs act Regione scioperi viareggio

ultimo aggiornamento: 07-10-2014


Il colosso cinese Yimin rileva il pacchetto di maggioranza della Salov

Corso di lingua russa per principianti e intermedi in centro a Viareggio