PIETRASANTA. La soluzione al problema della presenza del tallio nelle acque di Valdicastello arriva da GAIA in queste ore: è necessaria la ricostruzione ex-novo dell’intera rete dell’acquedotto, con la posa di circa 5.500 metri di tubazioni in polietilene ad alta densità. Un importante investimento per il Gestore (si stima più di un milione di euro tra interventi di emergenza e opere sul medio periodo), ma un atto dovuto per limitare i numerosi disagi che stanno subendo cittadini residenti nella zona, soprattutto a tutela della salute umana.

GAIA prevede di completare gli interventi in emergenza entro la fine del mese di novembre 2014. Per accelerare i tempi, l’intervento prevede la posa di tubazioni volanti laddove ciò non provoca inconvenienti alla circolazione dei mezzi e delle persone, mentre nel tratto sulla via comunale di Valdicastello, tra il serbatoio Filippi e l’inizio di via Parigi, verrà eseguito l’intervento definitivo con la posa in trincea della tubazione e il rifacimento di tutti gli allacciamenti. Questo intervento verrà realizzato utilizzando sia personale e mezzi della società, sia imprese esterne. Contemporaneamente verrà eseguito il completamento del relining della tubazione adduttrice dal serbatoio di Filippi a quello di Parigi.

Le analisi effettuate in questi giorni evidenziano come, nonostante ripetute pulizie, il tenore di tallio tra ingresso ed uscita del serbatoio subisca un notevole aumento. Per eliminare questa contaminazione sarà necessario anche procedere al rivestimento interno delle vasche con un manto impermeabile sintetico idoneo al contatto con l’acqua potabile.

(Visitato 23 volte, 1 visite oggi)
TAG:
gaia pietrasanta tubature Valdicastello

ultimo aggiornamento: 22-10-2014


Niente acqua nel centro di Viareggio nella mattinata di venerdì 24 ottobre

Guasto alla rete Gaia a Seravezza. 200 utenze senz’acqua