VIAREGGIO. “In questi giorni, dopo che la Viareggio Porto SpA ha subìto la messa in liquidazione, anche a seguito del noto e assurdo contenzioso sugli specchi acquei oltreché di una politica gestionale della società quantomeno improvvida, stiamo assistendo a ciò a cui non avremmo mai voluto assistere – il mancato pagamento degli stipendi dei dipendenti, assolutamente non responsabili della vicenda ma primi a pagare”. Lo scrive in una nota il Movimento 5 Stelle di Viareggio.

“La mancata nomina da parte dell’ex amministrazione comunale del liquidatore della società, dopo il fallito tentativo di far insediare in quella funzione Giovanni Giannerini, sta provocando la quasi totale incapacità gestionale della Viareggio Porto. Ma che paghino i lavoratori è l’assurda ingiustizia frutto dell’incapacità di rispettare le regole e trovare soluzioni consone a ciò di cui la città ha bisogno.

“Una politica scellerata fatta questa volta da un Pd incapace anche di affrontare il problema porto e succube di interessi di privati, che cercando nel Qatar una soluzione che avrebbe venduto il porto a stranieri con la collaborazione della solita società costruttrice viareggina, avrebbe cementificato ancor di più una zona che, come si evince invece da progetti fatti da cittadini, avrebbe bisogno di tutto meno che di cementificazioni! Senza stare a ragionare poi su quanto l’aver posto in essere un bando non conforme abbia danneggiato la società e la città.

“In compenso, la variante al Piano Regolatore el Porto proposta dal Movimento 5 Stelle Viareggio all’autorità prosegue il suo felice cammino negli uffici regionali, appoggiata e condivisa dalle categorie esistenti sul porto nella speranza che ciò che sarebbe un buon passo avanti per tutta la città faccia sì che certe cose non accadano più in futuro. Non ci spieghiamo infine come una società che risulta ogni anno praticamente in attivo e con un introito di soli ormeggi pari a circa un milione e 200mila euro non riesca a trovare i soldi per poter pagare lo stipendio ai suoi operatori all’ormeggio mettendo in difficoltà le rispettive famiglie.

“Noi pensiamo che il primo passo da fare in un’evoluzione del porto sarebbe proprio alla Madonnina, ma questo è solo il chiaro segnale che i cittadini attivi possono governare la città di Viareggio e che le competenze devono vincere sulla politica. Oggi pensiamo solo a chi si ritrova senza aver ricevuto il pieno stipendio e ci muoviamo per trovare soluzioni legali e consone allo sviluppo della società, non facciamo solo polemiche sulla passata amministrazione che aggiunge un’altra responsabilità a quelle che già pesano sul suo fallimento”.

(Visitato 32 volte, 1 visite oggi)
TAG:
movimento 5 stelle viareggio viareggio porto spa

ultimo aggiornamento: 26-10-2014


“Chi ha causato il commissariamento di Viareggio ora pretende di dettare le regole”

“Alle prossime elezioni il Pd deve presentarsi con un candidato che dialoghi con la città”