PISTOIA. “Il preoccupante ripetersi di episodi di violenza e di aggressione ai capitreno verificatisi negli ultimi giorni sulla linea ferroviaria Firenze-Viareggio conferma l’assoluta necessità del mantenimento – e, anzi, nella misura possibile di un potenziamento – del personale e dei presidi della Polizia Ferroviaria nelle principali stazioni presenti sulla tratta, nonché una particolare attenzione e cura di quelle minori”.  quanto scrivono i sindaci di Pistoia, Samuele Bertinelli, e di Lucca, Alessandro Tambellini, al ministro dell’Interno Alfano, al capo della polizia, al dirigente del compartimento Polfer della Toscana, e per conoscenza al presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Lupi e al presidente della giunta regionale Rossi.

“Gli importanti investimenti che hanno visto il concreto impegno della Regione Toscana e il determinante contributo del Governo sul trasporto ferroviario ed in particolare per il raddoppio della ferrovia – scrivono ancora i due sindaci -, devono infatti essere accompagnati, a nostro avviso, da una altrettanto decisa politica di attenzione al decoro e alla sicurezza delle stazioni ferroviarie. Non possiamo rischiare di vanificare gli investimenti previsti, volti a favorire e potenziare – rendendolo più efficiente – il trasporto pubblico su rotaia, operando scelte orientate soltanto al risparmio e al contenimento dei costi e non anche al miglioramento dei servizi. Per queste ragioni – concludono – confidiamo in un vostro sollecito intervento”. (ANSA).

(Visitato 16 volte, 1 visite oggi)
TAG:
aggressioni capitreno treni vigilanza

ultimo aggiornamento: 10-12-2014


Prende il via la festa del Comune di Massarosa

137 borse di studio per giovani studenti in Versilia: tutti i nomi