CAMAIORE. Il Rwanda sta compiendo un grande sforzo nello sviluppo di infrastrutture, molte zone sono state elettrificate, ma quelle periferiche che contornano le centinaia di colline, soffrono ancora di estrema povertà e di malattie. La malnutrizione è ancora una piaga endemica che colpisce sopratutto i bambini, tanti piccoli angeli, la cui sorte li ha confinati in questa bella ma povera periferia del mondo.

Due volontari della fondazione Larini, nel mese di Aprile 2014 hanno visitato alcuni Centri de Santé nella zona di Butare (Sud Rwanda), incontrando i Responsabili e avvicinando senza intermediazioni, le popolazioni locali. I Centri in genere sono gestiti dalla fondazione larini rwandaCaritas e sono strutturati per aiutare solo i casi acuti e gravi di malnutrizione, quella moderata o  cronica-moderata è poco assistita e aiutata.

Ma il passaggio dallo stato di “moderato” alla fase acuta è sempre incombente, basta un fatto episodico, una malattia , una diarrea per cadervi. Perciò l’appello dei responsabili dei Centri a noi della FCL è stato pressoché univoco: Aiuto Alimentare per integrare la povera dieta contadina: Riso-Fagioli-Zucchero-Sosoma (Sorgo/Soia/Mais) e sementi per iniziare un’attività agricola familiare.

rwandaDue Centri in particolare hanno inviato alla FCL il budget delle loro necessità: il Centro di Save e quello di Mbasi. La FCL non dispone di grandi risorse finanziarie, è una piccola associazione di Volontari. Nei due progetti sono stati investiti, in questa fase, circa 5.000 €. E’ una piccola cifra in rapporto alle disponibilità delle Grandi Associazioni, tuttavia con questo denaro sono stati acquistati sul mercato locale, ingenti quantità di alimenti, tutto è stato e verrà distribuito alla popolazione di 44 piccoli agglomerati urbani. Serviranno per un primo aiuto e insieme a sementi, costituiranno l’inizio di una attività di produzione agricola per il loro auto sostentamento. Ma non è finita. In un altra zona, alla periferia della città di Kigali, c’è il Centro de Santé di Rutonde, a noi particolarmente caro. In questo centro, fin dal 2008, la FCL ha portato avanti il ” Progetto Sole”con la costruzione di un piccolo Ospedale Pediatrico. Vi ha inviato diversi Container con materiale medico/sanitario, una jeep come ambulanza, dei pannelli fotovoltaici, un gabinetto ginecologico, un gabinetto dentistico, biciclette per favorire la vicinanza della popolazione al Centro e tanti altri strumenti per l’uso quotidiano. Adesso, in questo Centro, la FCL sta valutando un altro Progetto davvero importante: l’apertura di un Gabinetto dentistico per la cura e la prevenzione delle affezioni bucco-dentarie della popolazione locale. Come si vede si tratta di tante piccole ma “grandi” cose, di investimenti mirati, fatti a “casa loro” che portano giovamento e sostegno ad una popolazione ragguardevole, altrimenti destinata agli stenti e magari all’ emigrazione. Ci sono tanti riscontri e riconoscenze: a distanza di 8 anni la parola “Umusungo” (uomo bianco ) è oggi sinonimo di amicizia per quella povera popolazione e di immenso orgoglio per tutti noi e Akazuba, ovvero Piccolo Sole, è l’appellativo col quale si identifica la Fondazione Cristian Larini Onlus in Rwanda.rwanda

(Visitato 150 volte, 1 visite oggi)
TAG:
africa aiuti bambini fondazione larini missione rwanda volontari Volontariato

ultimo aggiornamento: 26-02-2015


Guida turistica alberghiera, ancora pochi giorni per le iscrizioni

Trenta anni di mostra agrozootecnica: si aprono le iscrizioni per un’edizione da record