dal nostro inviato

CASTELFIORENTINO. La pazienza è la virtù dei forti. Paolo Tognarelli non è tipo che si arrabbia facilmente. Gestire le situazioni, anche quelle più complicate e trovare il modo migliore per risolverle. A Castelfiorentino non aveva a disposizione Reccolani e Scandurra squalificati. Poco male. Lo spostamento di Caciagli in cabina di regia è stato un azzardo che ha dato i suoi frutti. “Una scelta dettata dall’emergenza, eravamo pronti a cambiare in qualsiasi momento, per fortuna è andata bene”. Il risultato non muta a prescindere dalla posizione degli interpreti. “Non basta aver vinto oggi – dice -, dobbiamo continuare con questo spirito sino alla fine. Non siamo stati capaci di chiudere prima la gara, ma la prestazione è stata importante. Abbiamo pressato alti dal primo all’ultimo minuto, nessuno si è tirato indietro e questo per me è un aspetto da sottolineare. Adesso dipende tutto da noi consapevoli che possiamo essere smentiti in qualsiasi momento. Non ci resta che battere l’Urbino Taccola e vedere cosa succederà nello scontro diretto tra Camaiore e GhiviBorgo”.

G.N.  

 

(Visitato 19 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio paolo tognarelli viareggio

ultimo aggiornamento: 15-03-2015


Visibelli: “Siamo tornati primi perché avevamo fame”

La Pallavolo Massa batte il Cus Pisa in scioltezza