CAMAIORE. Ancora un ottimo risultato per i Black Bull di Camaiore che a San Severino Marche portano a casa un bel secondo posto.

“Finalmente raggiunta – commenta la squadra – la finale nel massimo campionato di tiro alla fune indoor a livello nazionale con relativa medaglia d’argento e di conseguenza il titolo di Vice Campione d’Italia conquistato nella categoria 680 kg, miglior risultato fino ad ora ottenuto dai tori camaioresi dall’anno della loro nascita sportiva. Accarezzato molto da vicino anche il sogno di riuscire a portare in bacheca il primo scudetto della storia, in una finale giocata fino all’ultima energia rimasta, con l’epilogo ed il pronostico rispettato dei favoriti Cobra di Fermo vincitori di questi scudetti in entrambe le categorie”.

“La categoria 680 kg fin dalla prima giornata di campionato a Fermo, passando poi per Camaiore e Trento, è stata la più combattuta per quanto riguarda la seconda, terza e quarta posizione, con gli Spinetta di Cuneo e la Polisportiva Serralta di San Severino Marche (ottimi organizzatori, assieme alla F.I.G.e S.T., dell’ultima e decisiva prova di campionato italiano) a combattersi testa a testa la miglior posizione per l’accesso alla semifinale.
Quest’ultima è stata svolta dai Tori Camaioresi proprio contro i padroni di casa in due tirate giocate ai massimi livelli e conclusa con la vittoria dei Balck Bull vincenti in ambedue i round ed il relativo accesso alla finale per il primo e secondo posto. La finalissima contro i campioni Fermani è stata anch’essa molto combattuta ed il gap visto in tutte le altre tirate delle prime gare si è finalmente ridotto, segno evidente che il duro lavoro di allenamento dà i suoi risultati ed è sicuramente confortante in prospettiva futura. Nella categoria 640 kg invece la classifica derivata dalle quattro prove del torneo tricolore ha fatto incrociare i Black Bull contro i Cobra proprio in semifinale. L’esito scontato e semplice sulla carta si è rivelato invece molto ostico per la formazione fermana, visto che ci sono voluti ben tre tirate per averla vinta sulla formazione versiliese.
La prima tirata infatti si è conlcusa con un pareggio visti i tre falli di squadra causati da ambedue le formazioni, le altre due tirate concluse sì con la vittoria dei Cobra ma sul filo del rasoio rischiando addirittura l’eliminazione dalla finalissima”.

“Nella finale terzo e quarto posto poi i Black Bull hanno dovuto lasciare il passo ai pur bravi Spinetta di Cuneo visto anche l’eccessiva carenza di energie e qualche problema fisico causati dalla provante semifinale.
Alla fine si sono imposti in finale sempre i Cobra davanti ai padroni di casa dei Giaguaro, anche qui con tre round molto equilibrati, segno evidente del grande sforzo profuso dalle due formazioni nelle precedenti tirate. Questi risultati danno una spinta ancor maggiore in vista dell’ultima prova stagionale ovvero la Coppa Italia organizzata dal Coni che si svolgerà il 18 aprile 2015 a Roma nel Circolo Aniene e dove si riproporranno così gli scontri con le squadre nazionali più forti nel tiro alla fune sia indoor che outdoor.
Si ringrazia la dirigenza, gli sponsor e tutti i nostri tifosi e simpatizzanti dei quali alcuni di essi hanno accompagnato e sostenuto la squadra anche in quest’ultima e decisiva trasferta nelle Marche.

I Vice Campioni d’Italia 2015 sono i seguenti (in ordine alfabetico): BARSANTI GABRIELE – BARSOTTELLI FLAVIO – BELLI PIETRO – CERAGIOLI GABRIELE – DA CASTAGNORI FEDERICO – DALLE MURA DIEGO – DINI NICOLA – FRANCESCONI FILIPPO – MORICONI FRANCESCO – PARDINI GALLIANO – SPELTA NICOLA – VENTURINI LEONARDO.
ALLENATORE: FRANCESCONI FILIPPO. A loro i nostri complimenti!

(Visitato 140 volte, 1 visite oggi)
TAG:
black bull camaiore fermo San Severino Marche tiro alla fune

ultimo aggiornamento: 24-03-2015


Mariotti rifiuta il Forte. “Lezione morale ai tuttologi dell’hockey”

Tifosi del Viareggio in treno a Pietrasanta