PIETRASANTA. “Già da tempo il MoVimento 5 Stelle Pietrasanta ha richiesto a Comune e Asl una migliore e più attenta comunicazione con i cittadini sull’evoluzione e le modalità di svolgimento dell’indagine epidemiologica, senza ottenere risposte”. Lo scrivono le senatrici del Movimento Laura Bottici e Sara Paglini e il candidato sindaco Michele Lari.

“Data la totale mancanza da parte degli enti”, il 24 gennaio scorso la stessa senatrice Bottici ha contattato direttamente il sindaco Domenico Lombardi e l’assessore Italo Viti per richiedere i documenti, “preoccupata dei primi risultati che stavano emergendo dallo studio parallelo portato avanti dalla dottoressa Bramanti”.

“Anche in quel caso l’amministrazione è stata evasiva nelle risposte e, ad oggi, nessuna comunicazione è pervenuta dalle persone interpellate. Riteniamo che tutta la vicenda manchi di trasparenza da parte degli enti competenti e richiediamo con forza che siano comunicati, con celerità ed estrema chiarezza, i risultati dell’indagine epidemiologica che ci risultano ad oggi disponibili.

“Temiamo che si stia tentando di rallentare l’iter di informazione del cittadino a causa delle prossime elezioni amministrative, come se il voto contasse di più della consapevolezza del reale stato di salute dei cittadini.

“A nostro avviso i cittadini, già vittime di una lunga serie di mancanze delle ultime amministrazioni, dovrebbero essere esentati dal pagamento delle bollette fino al termine dell’indagine epidemiologica e quindi almeno fino a quando ogni cittadino non sarà a conoscenza della propria precisa condizione di salute.

“Se le autorità non riterranno nuovamente di dare preciso e chiaro riscontro a queste richieste di buon senso, non resterà altra via che quella di rivolgersi all’autorità amministrativa superiore, procedendo con un’interrogazione parlamentare al ministro Lorenzin, sottolineando la latitanza tenuta dagli enti comunali”.

(Visitato 39 volte, 1 visite oggi)

“Valorizzare i musei e fare sistema con la Versilia per rilanciare Viareggio”

“Viareggio deve ripartire dai problemi dei bambini e delle famiglie”