CAMAIORE. Il Gruppo Archeologico di Camaiore, annuncia una nuova importante scoperta.

“Alcuni soci Bruno Orsi, Angelo Tabarrani, Gianluca Tabarrani, Riccardo Benassi, Marina Morescalchi, Leonardo Ferri, Luca Santini e Francesco Ceragioli membri dell’associazione, la scorsa settimana durante una perlustrazione su un colle alle pendici del monte Prana situato ad una altezza di circa 580 metri sul l.m., hanno ritrovato diversi reperti di ceramica assieme a pezzi e scorie di bronzo , piombo e ferro. Da una prima analisi sembrano appartenere alla fine dell’età del bronzo e al periodo etrusco.

“Il ritrovamento è stato prontamente segnalato alla soprintendenza dei beni archeologici, che nel mese di aprile invierà l’incaricata dott.ssa Anna Maria Tosatti sul luogo del ritrovamento, affinché effettui una migliore analisi per la valutazione del sito.

Questo ritrovamento ci permetterà di studiare e conoscere meglio il relativo periodo protostorico, infatti si aggiunge a quello analogo scoperto una decina d’anni fa da Francesco Ceragioli e Luca Santini, nei pressi di Marignana. La scoperta si somma a quella dell’altare dei pennati del periodo ligure, avvenuta alla fine dello scorso anno, entrambe sono frutto dell’intensa ricerca di superficie, che i soci del sodalizio camaiorese, hanno intrapreso e pianificato nell’ultimo anno”.

(Visitato 290 volte, 1 visite oggi)
TAG:
archeologia camaiore reperti scoperte archeologiche

ultimo aggiornamento: 04-04-2015


Gli studenti dell’istituto comprensivo Darsena incontrano il commissario Romeo

Il surfista fa il bagnino e salva sei tedeschi che rischiano di annegare in mare