VIAREGGIO. “Da diverso tempo assistiamo ad una lotta continua da parte di varie amministrazioni a guida Pd per aggiudicarsi le spoglie derivanti dal dissesto del comune di Viareggio. All’ennesimo tentativo, questa volta ad opera del sindaco di Lucca Alessandro Tambellini di depauperare il patrimonio artistico e culturale di questa città ci opporremo strenuamente”. Lo afferma in una nota il circolo di Sel di Viareggio.

“Riteniamo insensato, quanto dannoso per una città nella situazione di Viareggio, che vive un impoverimento senza precedenti nella storia recente, non solo economico ma anche sociale e culturale, di rinunciare ad una manifestazione di livello nazionale come il Festival Pucciniano. Un Festival che riesce anche ad animare la vita culturale e sociale della frazione di Torre del Lago che già da diverso tempo vive una situazione di degrado derivante anche dalla scarsa qualità e quantità di offerta culturale.

“Quindi diciamo ‘no’ al Festival Pucciniano subalterno alle istituzioni lucchesi, ‘no’ ad un Festival Pucciniano che perda la propria autonomia in favore di manifestazioni meno conosciute e meno rilevanti.

“Sì ad un Festival Pucciniano che riesca a coordinarsi con gli altri Festival Lirici italiani, sì ad un Festival che riesca a sfruttare nel migliore dei modi le collaborazioni con i Teatri della Regione, e soprattutto sì ad un Festival gestito saggiamente, con competenza ma anche con le dovute capacità amministrative che possano permettere di far raggiungere a questa manifestazione che caratterizza la nostra estate una sostenibilità economica che per troppo tempo non è riuscita ad avere”.

(Visitato 56 volte, 1 visite oggi)

Enrico Rossi promette 45 milioni di euro per curare l’epatite C

Elezioni 2015, a Viareggio la Federazione della Sinistra appoggia Poletti