VIAREGGIO. Il governatore della Lombardia ed ex ministro degli interni Roberto Maroni era questa sera a Viareggio per sostenere il candidato sindaco Massimiliano Baldini e quello per la presidenza della Regione Toscana Claudio Borghi.

Al suo arrivo al centro congressi del Principe di Piemonte, è stato accolto da una trentina di giovani che gli hanno urlato “Razzista vergognati” esponendo uno striscione “Ultras Liberi” ed accendendo un fumogeno. Maroni, applaudito invece dai sostenitori della Lega, ha ribadito: “Non mi faccio certo intimorire da questi “pirla”, ho combattuto la mafia,camorra e l’ndrangheta, siamo fieri di essere leghisti e non ci facciamo intimorire dai contestatori – questa la risposta di Roberto Maroni dal palco del Centro Congressi alla platea, dove ad ascoltarlo c’erano circa 200 persone. Noi siamo i veri antifascisti che combattono l’ Europa e l’oppressione”.

L’ex ministro ha posto l’attenzione sulla questione degli immigrati. “Chi viene senza permesso di soggiorno non è un profugo, ma un clandestino. Chi ci governa non rispetta la legge, quando arrivi dovrebbero inserirli in un Cie finché non sono stati identificati e non in un albergo a 4 stelle. Ha diritto all’ospitalità chi fugge da una guerra e chi non è in grado nel suo Paese di sopravvivere, chi non ha questi requisiti deve essere rispedito a casa sua. Riguardo poi la cittadinanza italiana acquisita per chi nasce in Italia è una scappatoia di Matteo Renzi per cercare di reperire nuovi potenziali voti per il Pd, è italiano secondo noi chi è figlio di cittadini italiani”.

Maroni è fiducioso poi sull’esito del voto. ”Respiro una voglia di cambiamento e sento entusiasmo. Viareggio e la Lombardia possono essere i modelli per il rinnovamento con liste civiche in appoggio ai partiti. La Lega ha superato momenti difficili ed ora con Matteo Salvini abbiamo intrapreso la strada giusta, siamo ad un 15% di preferenze ed abbiamo superato Forza Italia ferma al 10%. Ci collochiamo al centro come alternativa unica per chi non vota sinistra e Pd soprattutto, prendendo i voti anche del Movimento Cinque Stelle che è ormai in una di flessione. Se in Toscana vinceremo alle Regionali sarà un segnale forte. Spero poi che Massimiliano Baldini, possa invitarmi a festeggiare la sua investitura al comune di Viareggio”.

(Visitato 75 volte, 1 visite oggi)

Santini a Confesercenti: “Sicurezza e decoro l’aiuto più rapido per le nostre imprese”

L’idea di Filippo Antonini: “Un assessore per i fondi europei”