VIAREGGIO. A Villa Paolina incontro-dibattito: “L’inefficienza della giustizia italiana, un problema ad oggi irrisolto ma risolvibile” promosso dalla Camera Arbitrale Italiana con il patrocinio della Magione versiliese della Confraternita regolata dal diritto canonico dei Cavalieri del Tau rappresentata dal Prof. Emilio Petrini Mansi della Fontanazza dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum che ha introdotto e presentato il conferenziere romano l’Avv. Bernardo Blasio presesidente dal 1995 della Camera Arbitrale Italiana di cui fanno parte personalità di spicco del diritto, come tra gli altri, Antonio Baldassarre e Franco Bile già presidenti della Corte Costituzionale.

L’arbitrato argomento di grande attualità ha suscitato l’interesse dei presenti professionisti, imprenditori, rappresentanti delle Istituzioni e semplici cittadini che hanno apprezzato la semplicità con cui Blasio ha trattato i metodi alternativi alla giustizia ordinaria che potrebbero risolvere problematiche come l’enorme dilatazione dei tempi della giustizia ordinaria, inaccettabile se rapportato ai ritmi attuali del commercio e degli affari (per un processo civile, in relazione ai tre gradi di giudizio, trascorrono in media 9 anni) e l’incertezza dei costi. Oltre a giuristi versiliesi, di Massa Carrara e Livorno erano presenti Don Luis Roberto Picchiani nipote di S.A.R. Alicia di Borbone Parma, il regista fiorentino Conte Vieri Franchini Stappo, Francesco Ungaretti, Eleonora Violante ed il Cav. Uff. Egisto Umberto Borghini.

(Visitato 415 volte, 1 visite oggi)