VIAREGGIO. “Il nuovo sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro ha basato la sua campagna elettorale su due concetti forti e importanti quali cambiamento e autorevolezza, e la fortuna gli fornisce subito l’occasione per dimostrarlo sul campo: mi riferisco alla paradossale vicenda della Perla del Bosco di Torre del Lago, assegnata in toto con recente bando alla Pro Loco, che però non può disporre della struttura perchè l’Auser-Filo d’Argento si rifiuta di abbandonarla, impedendo anche l’apertura del consueto ufficio informazioni per i turisti con tanto di catena apposta arbitrariamente all’ingresso principale per impedirne l’accesso, un atto di forza inaccettabile”. A denunciarlo è Alberto Pardini, candidato alle ultime elezioni amministrative con Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.

“Viareggio e Torre del Lago hanno bisogno di legalità a partire dalle piccole cose: mi auguro che il sindaco intervenga senza indugio là dove altri non lo stanno facendo, per far rispettare l’esito del bando pubblico e permettere alla Pro Loco di disporre della struttura per i servizi a turisti e cittadini, senza farsi tirare la giacca da nessuno che possa avere interessi diversi, nemmeno della sua coalizione.

“Sindaco, adesso la scelta è sua: ci dimostri che con lei la musica è davvero cambiata”.

(Visitato 117 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alberto pardini auser filo d'argento perla del bosco torre del lago

ultimo aggiornamento: 26-06-2015


“Sull’ex caserma tante promesse non mantenute e ora il portone è aperto: chi c’è dentro?”

Baldini: “Andremo avanti per far ricontare i voti e accertare le illegalità contestate”