"Festival Puccini in pericolo, Del Ghingaro e Martina vogliono questa responsabilità?" - Politica Viareggio Versiliatoday.it

“Festival Puccini in pericolo, Del Ghingaro e Martina vogliono questa responsabilità?”

VIAREGGIO. “Purtroppo si sta verificando ciò che temevamo maggiormente dalla revoca immediata, all’indomani della proclamazione del nuovo sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro, di Adalgisa Mazza dalla carica di presidente della Fondazione Festival Puccini assieme all’intero cda”. Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali del Pd Luca Poletti, Elisa Montaresi e Antonio Batistini.

“Questa situazione di completo vuoto istituzionale sta creando non poche difficoltà all’intera macchina organizzativa del Festival Pucciniano alla vigilia dell’inizio della stagione lirica. Non si tratta di semplice allarmismo ma di reale preoccupazione in quanto già due prove sono state annullate, la promozione della stagione lirica è assente in attesa di una convalida del nuovo presidente che firmi gli impegni di spesa così come sono in attesa di una firma i contratti di assunzione di centinaia di lavoratori tra orchestra, coro, figuranti, tecnici e artisti.

“Quanto dovremo ancora aspettare? Quando sarà già troppo tardi e le opere previste in cartellone dovranno essere annullate, creando non solo un danno economico sull’indotto cittadino ma anche di immagine per l’intera città di Viareggio? Quale necessità c’era di revocare in maniera così repentina il presidente e il cda del Pucciniano se poi non si danno risposte concrete né ci si assume la responsabilità di quello che sta avvenendo?

“Interpelliamo con urgenza sia il sindaco Giorgio Del Ghingaro che il neo assessore alla cultura Rossella Martina affinché diano risposte immediate al Festival Puccini e sblocchino la situazione di stallo creatasi all’indomani di una decisione decisamente frettolosa e quantomeno fuori dalla consuetudine dal momento che le precedenti amministrazioni hanno sempre avuto il ‘garbo’ istituzionale di far portare a conclusione il percorso intrapreso dal presidente in carica anche se nominato da altro sindaco.

“La città non può permettersi di mettere in pericolo una delle sue più importanti manifestazioni famosa in tutto il mondo”.

(Visitato 63 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 30-06-2015 22:30