PIETRASANTA. Non solo giunta e maggioranza: anche l’opposizione ha convocato questa mattina una conferenza stampa in municipio sulla sospensione del sindaco Massimo Mallegni per gli effetti della legge Severino. E i toni, dal candidato sindaco del centrosinistra Rossano Forassiepi all’ex assessore e attuale consigliere comunale Pietro Lazzerini, sono duri verso il primo cittadino sospeso.

“A questo punto mettiamo in dubbio anche la validità della nomina della nuova giunta e, dunque, anche del vicesindaco Daniele Mazzoni”, esclama all’unisono il centrosinistra pietrasantino. “Quanto a Mallegni, in campagna elettorale aveva detto e ridetto di essere stato assolto da tutte le accuse. E invece…”.

Foto Vt
Foto Vt

I consiglieri di minoranza, poi, tirano fuori dal cassetto una nota di Arpat con risultati sfavorevoli sulle acque della foce di Motrone del 17 giugno scorso: a seguito di quelle analisi non c’era stata un’ordinanza di divieto di balneazione. “Questo documento di Arpat era secretato e non raggiungibile pubblicamente”, dichiara Forassiepi. “Ho dovuto fare una richiesta di accesso agli atti in qualità di consigliere. Questo è un fatto gravissimo che mette a rischio la salute di cittadini e bagnanti.

“Lo sforamento dei parametri ha portato a divieti di balneazione da tutte le parti: Mallegni non ha fatto nulla e la gente ha fatto il bagno a rischio”.

(Visitato 70 volte, 1 visite oggi)
TAG:
massimo mallegni pietrasanta rossano forassiepi sospensione

ultimo aggiornamento: 04-07-2015


Sospensione Mallegni. Matteoli: “Effetti perversi della legge Severino”

Mallegni: “Un governo non eletto sospende un sindaco democraticamente eletto”