VERSILIA. Nuova puntata di A Spasso con Galatea, la rubrica dedicata all’arte, alla cultura, alla storia e alle tradizioni della nostra Versilia, realizzata grazie a Stefania e Tessa del blog Galatea Versilia.

“Non innamorarti di una donna che legge, che sente troppo, di una donna che scrive..” così scriveva la poetessa Martha Rivero Garrido nell’omonima poesia.

Parole che sembrano cucite addosso a Titti Gemmellaro, donna dai mille interessi e scrittrice esordiente con “Il fiore dell’amaranto” (Edizioni Creativa). Sicuramente una donna fuori dal comune, appassionata di medicina naturale e cucina sostenibile, che arrivata a cinquant’anni decide di mettersi nuovamente in gioco col suo primo romanzo.

Si è messa in gioco e ha centrato l’obiettivo con la storia di una donna come tante che, grazie a una grande forza di volontà, riesce a ricominciare e a ritrovare la serenità interiore, spogliandosi della rabbia e del rancore. Con una prosa fluente e delicata Titti tesse una tela dove protagoniste sono le emozioni, le sensazioni, e i pensieri della protagonista… siamo quasi di fronte a uno stream of consciousness alla James Joyce.

Il libro è dedicato dall’autrice a tutte le giovani donne, e che la loro anima “non appassisca” mai proprio come il fiore dell’amaranto, che, nonostante le avverse condizioni climatiche e la mancanza di acqua, ha la il fiore dell'amarantocapacità di non appassire.

Per saperne di più visitate la pagina facebook Il Fiore dell’Amaranto.

Tessa Nardini

 

(Visitato 308 volte, 1 visite oggi)

Droga in Versilia, arrestato anche un giocatore di serie A

Offerte di lavoro in Versilia