VERSILIA. Nuova puntata di A Spasso con Galatea, la rubrica dedicata all’arte, alla cultura, alla storia e alle tradizioni della nostra Versilia, realizzata grazie a Stefania e Tessa del blog Galatea Versilia.

Emozionante è la mostra che la città di Pietrasanta ha dedicato al maestro Igor Mitoraj. Conosciamo l’intenso legame che

(Foto: Galatea Versilia)
(Foto: Galatea Versilia)

univa l’artista polacco alla cittadina versiliese e che spinse Mitoraj ad abitarvi stabilmente tanto da riceverne la cittadinanza onoraria nel 2001.

Il maestro sentì nominare Pietrasanta molti anni fa, durante un soggiorno parigino: amici e colleghi erano entusiasti dei laboratori di scultura, delle fonderie e degli artigiani versiliesi e incuriosito visitò la cittadina e fu subito amore…

L’ultimo regalo che l’artista ha voluto fare a Pietrasanta è la mostra “Mitoraj Mito e Musica” progettata quando ancora era in vita. Inaugurata lo scorso aprile, l’esibizione si snoda tra piazza del Duomo, il complesso del S. Agostino e piazza Matteotti.

v mitoraj pietrasanta
(Foto: Galatea Versilia)

Ben riconoscibile è lo stile dell’artista polacco e bellissime sono le imponenti opere monumentali in bronzo che decorano la piazza, ma insolita è l’opera intitolata “Il giardino segreto”. Enormi teste in creta sono infatti sottoposte, per tutta la durata dell’evento, agli agenti atmosferici così da degradarsi ogni giorno di più.

Testimone dell’azione del tempo sulla materia è l’uomo, il visitatore che quotidianamente osserva il lento disgregarsi della scultura. Ma non preoccupatevi: di queste teste esistono le versioni in bronzo! Il progetto iniziale prevedeva cipressi attorno alle sculture, ma si è preferito utilizzare alcuni ulivi, piante care a Mitoraj. “Giardino segreto” vuole infatti ricordare il nome dell’olio che l’artista produceva a Valdicastello.

Stefania Neri, Galatea Versilia

(Visitato 261 volte, 1 visite oggi)

No allo scempio delle Apuane, i writers versiliesi colpiscono ancora (foto)

Perde il controllo dell’auto e si cappotta. Grave incidente a Valpromaro