SERAVEZZA. Il Seravezza prende posizione in merito alla squalifica di dieci giornate di un giocatore della formazione Juniores, reo di aver pronunciato una frase discriminatoria nei confronti di un avversario.

“In riferimento al polverone mediatico sollevato dall’unilaterale condanna di un giocatore della nostra formazione juniores in occasione dell’incontro disputato sabato 10 ottobre a Lammari (Lucca) – si legge -, ci rincresce prendere atto della generale assurda enfasi data all’avvenimento, della gratuita distribuzione di infondate qualifiche e dell’ipocrisia mostrata dalla maggior parte degli organi di informazione, ipocrisia destinata ad avvallare un modo di giudicare assolutamente privo di reale fondatezza e destinato ad irrigidire il pensiero ed il comportamento dei protagonisti sul campo di gioco.

“La nostra Società, ed i nostri tesserati, non possono essere gratuitamente colpevolizzati da terzi desiderosi di protagonismo ai quali viene dato modo, grazie a disposizioni di assurdo perbenismo utile soltanto per creare odio e divisione, di gettare fango su normali ed oneste persone che amano divertirsi con un gioco.

“Qualunque azione da intraprendere venga decisa dalla nostra Società, rimarrà indelebile l’assurdo e becero accanimento paragonabile a basse insinuazioni da marciapiede di periferia”.

(Visitato 144 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio seravezza squalifica

ultimo aggiornamento: 18-10-2015


Selva: “I tifosi del Cgc sono fantastici”

Volley in rosa, è subito derby tra due versiliesi