MASSA. “Le squadre che hanno fame queste partite le vincono”. Simone Caciagli non dice apertamente che il Viareggio non appartiene a quella categoria neppure troppo privilegiata, ma il messaggio che a mezzo stampa manda ai compagni è di quelli che per coglierli non c’è bisogno di chissà quale sforzo intellettivo: “Siamo giovani, come lo sono gli avversari. Noi però commettiamo sempre le solite ingenuità e puntualmente ci ritroviamo ad uscire dal campo con l’amaro in bocca per una vittoria gettata al vento, quando invece era alla nostra portata”.

Non vuole soffermarsi eccessivamente sulla classifica, inutile fossilizzarsi su quale ruolo le zebre possono recitare in campionato: “Non guardiamo né su, né giù (riferendosi alla classifica, ndr). Sicuramente dobbiamo metterci più personalità”.

Caciagli pone al centro dell’attenzione un episodio particolare della gara, l’ammonizione per simulazione a Lobosco: “Mi piacerebbe rivedere l’azione, l’arbitro ha estratto frettolosamente il giallo, secondo me un provvedimento esagerato”.

 

(Visitato 180 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio massese simone caciagli viareggio

ultimo aggiornamento: 15-11-2015


Eccellenza, Seravezza e i magnifici sette gol. Rallenta il Camaiore

La Pallavolo Massa affonda a Carpi