MASSA. “Facile dire che bastava amministrare. La Massese nel secondo tempo ha dato tutto, in campo ci sono due squadre, non potevamo pensare di condurre noi la partita per novanta minuti. Soffrire era normale”.

Alessandro Pierini è seccato perché il Viareggio poteva vincere ma non lo ha fatto. “Eppure nel primo tempo non avevamo corso rischi, poi loro ci hanno messo in difficoltà e su un nostro errore tattico ci hanno puniti. La gara l’abbiamo interpretata correttamente, ma dovevamo sfruttare meglio le ripartenze che ci venivano concesse. Peccato, perché eravamo riusciti nella cosa più complicata: passare in vantaggio”.

Si è coperto ad un certo punto del secondo tempo, Pierini. Con Cornacchia al posto di Bartolini per fornire maggiore protezione a sinistra, con un abbottonato 4-4-2.

“Se fossimo stati lucidi questa partita l’avremmo fatta nostra. Rispetto allo Scandicci abbiamo giocato meglio: domenica scorsa avremmo meritato di perdere. Oggi le occasioni le abbiamo avute, per questo mi girano le p…”.

La scelta di accentrare Bartolini e Rosati ha portato benefici alla fase offensiva: “Pensavo che schierandoli da mezze punte ci avrebbero permesso di creare problemi alla difesa della Massese. Potremo adottare questa soluzione anche in seguito”.

Manca sempre meno all’apertura del mercato. “Con la società ci confrontiamo ogni settimana, parliamo di cosa può farci comodo. Ormai, dopo tre mesi, sappiamo se e dove possiamo intervenire”.

(Visitato 265 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alessandro pierini calcio massese viareggio

ultimo aggiornamento: 15-11-2015


Baroni: “Il Viareggio ha un’anima masochista”

Eccellenza, Seravezza e i magnifici sette gol. Rallenta il Camaiore