PIETRASANTA. Niente fallimento per Gaia SpA, gestore delle acque in Versilia, e nessuna modifica al piano dei rimborsi dei mutui così come è stato stabilito dall’Autorità Idrica Toscana: grazie ad un accordo raggiunto tra le parti proprio nelle scorse ore, il Comune di Cutigliano ha rinunciato all’istanza promossa nei confronti della Società, prima dell’udienza in tribunale.

A far cambiare idea al sindaco Braccesi è stato l’importo corrisposto di circa 160mila euro, a conferma della linea difensiva posta in essere dalla Società, che corrisponde esclusivamente a quanto ordinato dal Giudice in base ad un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo del Comune.

Il pagamento è avvenuto con “riserva di ripetizione all’esito del giudizio di opposizione”, in quanto è intenzione di Gaia far valere le proprie ragioni, innanzi al Tribunale di Lucca, nel giudizio tuttora pendente: ovvero se il Tribunale accoglierà l’opposizione di Gaia, la somma verrà a questa restituita.

Gaia verserà gli importi dovuti al Comune di Cutigliano nei modi, termini e importi previsti dal Piano economico – Finanziario e dal Piano di rientro definito dall’Autorità Idrica Toscana (delibere Ait numero 15/2015 dell’11 maggio 2015 e numero 22/2015 dell’8 luglio 2015), documenti che rappresentano il faro strategico e operativo di Gaia.

“Gaia ha gestito con equilibro e maturità una delicata fase della propria vita aziendale, gli approfondimenti professionali effettuati e il confronto costruttivo con Autorità Idrica Toscana e fra gli organi interni alla Società hanno consentito la formazione di un convincimento professionale a supporto della linea di azione improntata a coerenza e determinazione”, scrive Gaia in una nota. “Conseguenza ne è il fatto che, in coerenza e a supporto della linea di difesa dalla società, rimane totalmente invariato il richiamato Piano di rimborso dei mutui ai Comuni.

“Gaia non è un bancomat a disposizione dei Soci e fruitori del servizio a vario titolo coinvolti a cui rivolgersi per la risoluzione di problemi”, ha dichiarato il presidente della società Nicola Lattanzi. “Esiste un piano di risanamento, si è disegnato un piano strategico, delicato, finanziariamente oneroso e pertanto doloroso, ma possibile, e, finché sarà possibile, a questo occorre guardare con spirito costruttivo e grande senso di responsabilità”

(Fonte: ufficio stampa Gaia)

(Visitato 202 volte, 1 visite oggi)
TAG:
fallimento gaia spa pietrasanta

ultimo aggiornamento: 22-12-2015


Camaiore, presentato il nuovo museo civico archeologico

Occupazioni abusive, partono gli sgomberi