FORTE DEI MARMI. “I dossi di via Nizza sono stati installati grazie al finanziamento dei privati, che hanno presentato la richiesta al Comune e poi hanno provveduto autonomamente a pagarli”. A replicare alle critiche dell’architetto Enrico Ghiselli sono gli assessori alla polizia municipale Alessio Felici e ai lavori pubblici Emanuele Tommasi. “L’intervento – proseguono- si inserisce nella più ampia progettazione per la sicurezza sulle strade, avviata dall’amministrazione comunale e ben venga il contributo dei privati. Ricordo che gli attraversamenti pedonali vengono installati dopo un’adeguata valutazione degli uffici in collaborazione con il comando di polizia municipale. In totale, attualmente, ce ne sono ventuno, dislocati su tutto il territorio comunale, laddove si è ritenuto fosse necessario, in seguito alle verifiche sugli incidenti avvenuti. Via Nizza aveva queste necessità”.

(Visitato 94 volte, 1 visite oggi)

Più facile la donazione degli organi attraverso la carta di identità

Alternanza Scuola/Lavoro. La Multiservizi aderisce al progetto del Comune con il Liceo Chini-Michelangelo