FORTE DEI MARMI. Nel 2015, secondo le statistiche pubblicate in questi giorni dal team del progetto “Nati per leggere”, la Biblioteca di Forte dei Marmi è a livello provinciale la biblioteca in cui sono stati svolti più incontri di Nati per Leggere: un’attività di promozione della lettura e dei libri indirizzata alle famiglie con bambini di età compresa tra zero e sei anni mirata a creare e consolidare l’abitudine a leggere grazie alla lettura ad alta voce, che l’assessorato alla cultura del Comune di Forte dei Marmi porta avanti di concerto con il Coordinamento Versiliese di “Nati per Leggere”.
Nel corso del 2015 si sono svolti sedici incontri, sia all’interno della biblioteca, sia, con l’arrivo della primavera e dell’estate, in diversi angoli del parco di Villa Bertelli. In media, ad ogni appuntamento, erano presenti 20/25 bambini, ciascuno dei quali accompagnato da uno o due genitori per volta, spesso insieme anche al nonno o alla nonna. Inoltre, gli incontri erano allietati da una piccola merenda, preparata nelle scuole, offerta dal Comune ai bambini: un aspetto molto gradito dai partecipanti.
“Nati per leggere – ha dichiarato il presidente del consiglio comunale e delegato alla cultura Simone Tonini- è un progetto a livello nazionale che a Forte dei Marmi riscuote un grande successo di partecipazione ed interesse. Il merito va senz’altro anche al lavoro svolto con professionalità e preparazione dal personale della nostra biblioteca comunale, con il responsabile Marcello Fascetti insieme a Anna Bazzichi e Rossella Mattugini e dei lettori volontari, che riescono a catturare l’attenzione dei bambini durante le letture animate. In questi anni ho voluto incrementare gli appuntamenti di Nati per Leggere che si affiancano alle tante attività per bambini e famiglie organizzate dal Comune. L’offerta culturale e aggregativa per bambini e famiglie, residenti e graditi ospiti, è una mia priorità. Nell’anno in corso, stiamo lavorando per implementare sempre di più i servizi dedicati ai più piccoli, in primis “Nati per leggere”, aumentando gli appuntamenti e rendendoli attrattivi e piacevoli per adulti e bambini.” Questa iniziativa si basa su studi scientifici che dimostrano che sentir leggere ad alta voce fa bene allo sviluppo del cervello dei bimbi e dei lattanti e quindi allo sviluppo del linguaggio, ponendo una solida base per il buon parlare e il buon scrivere. I bimbi ai quali si legge precocemente, infatti, hanno meno difficoltà a scuola, una migliore autostima e una relazione con i genitori più profonda ed emotivamente più intensa. A questo si aggiunge, ovviamente, anche la familiarità con i libri e con la lettura, dato che va in controtendenza rispetto ai risultati di alcuni studi secondo i quali nel 35% delle case italiane i bambini iniziano il loro rapporto con i libri solo con la scuola elementare.
I prossimi appuntamenti con le letture animate alla Biblioteca L. Quartieri saranno 23 marzo, 6 e 20 aprile, 4 e 18 maggio sempre alle ore 17.00 a ingresso libero.
Per informazioni: Biblioteca comunale L. Quartieri 0584 280265

(Visitato 82 volte, 1 visite oggi)

Approvato il Calendario delle fiere e mercati 2016

Più Forte del vento, una scommessa vinta