VIAREGGIO. Per la prima volta da quando è stata riaperta dalla Provincia, Villa Argentina a Viareggio ospiterà, per un giorno, alcune visite guidate dedicate esclusivamente ai non vedenti.
E l’occasione per questo particolare tipo di visite tattili è la mostra di Ivan Theimer “Luoghi Altrove” per la quale sono state scelte alcune opere scultoree che saranno ‘raccontate’ agli ospiti dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio che, da metà febbraio, sono protagonisti di questa nuova forma di “avviamento al lavoro” grazie alla collaborazione tra la Provincia e la scuola stessa.
Le visite guidate sono in programma sabato 19 marzo, dalle 15 alle 18, e saranno organizzate con cadenza precisa e a piccoli gruppi. L’iniziativa è resa possibile grazie anche alla partecipazione delle sezioni locali di Lucca, Pisa e Massa Carrara dell’UICI – Unione Italiana ciechi e ipovedenti. Gli interessati possono già prenotarsi per fissare l’orario di visita nel giorno in questione che, tra l’altro, rientra nelle ‘Giornate di Primavera’ del Fondo per l’Ambiente Italiano (FAI) del 19 e 20 marzo con varie iniziative nei luoghi d’arte in tutta Italia.
Con questa iniziativa la Provincia di Lucca continua il suo impegno mirato alla sensibilizzazione e alla realizzazione di percorsi accessibili dei beni culturali reso possibile grazie al progetto europeo ‘Accessit’ di cui l’ente è partner dal 2013.
La mostra “Luoghi altrove” inaugurata lo scorso dicembre è organizzata dal FAI – Fondo per l’ambiente italiano (Delegazione di Lucca e Massa Carrara), in collaborazione con la Provincia, la Soprintendenza BAP di Lucca e Massa-Carrara, e il sostegno delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca, Banca del Monte di Lucca e Pomara Scibetta di Milano, e resterà aperta fino al 3 aprile. Il percorso della mostra si distribuisce su due piani: il piano terra espone sculture di varia dimensione e tipologia, per la maggior parte sono modelli in scala di monumenti bronzei che attualmente arricchiscono l’arredo urbano e le piazze di numerose città europee e d’oltreoceano; il secondo piano ospita invece numerosi acquerelli, una sorta di diario di viaggio per immagini, appunti che Theimer segna sul suo taccuino della memoria e restano impressi sulla carta come segni del suo percorso di viaggio interiore e intimo. La scultura di Theimer è molto colta: intensi i richiami al mito, alla storia, ai vangeli, alla religione cristiana, alla scultura classica greca e romana, forte il suo legame con la natura, l’uomo e gli animali.

Tra le numerose opere di Theimer esposte nelle sale di Villa Argentina sono state selezionate 10 sculture che creano un percorso di visita tattile destinato ai non vedenti, scegliendo quei ‘pezzi’ che consentono una maggiore leggibilità e percezione dell’opera dell’artistica cecoslovacco.

Sarà possibile partecipare alla visita prenotandosi al n. 0584/48881 negli orari di apertura della Villa.

(Visitato 351 volte, 1 visite oggi)

Successo per la trasferta in Nicaragua del Festival Puccini

“Le uova sul municipio? Né rivoluzionarie né simpatiche”