VIAREGGIO. La mestizia fatta partita di calcio. Le quattro linee del campo come limite del “niente”, concetto in cui non c’è sostanza semplicemente perché nessuno le dà forma. Il Viareggio poteva una volta per tutte tirarsi fuori da quella lotta salvezza da cui sta tentando di fuggire, di fatto, da inizio stagione, ciò che per la Massese è puro miraggio. Si è invece dovuto accontentare di un pari scialbo, avaro di soddisfazioni e pure di motivi per lasciarsi scappare una bozza di sorriso, se non fosse che per la terza giornata di fila le zebre smuovono la classifica, avvicinandosi a quell’obiettivo ora un po’ più vicino.

Sbagliatissimo dare la colpa al primo, vero caldo di stagione: la Massese ne ha risentito di meno e veniva da una partita, quella persa col Città di Castello persa 1-0, giocata non più tardi di mercoledì. Il Viareggio è stato capace di tirare pochissimo verso la porta di Barsottini. E solo grazie a un vistoso errore di Milianti, che si è lasciato inspiegabilmente scavalcare dal pallone, ha sbloccato un incontro blindato a doppia mandata, con Rosseti, che il primo gol in bianconero lo cercava e che lo ha finalmente trovato. Freddezza e opportunismo.

In questo ha latitato il Viareggio, nella gestione del vantaggio: è bastata una fortuita carambola per permettere all’indemoniato Lessa Locko di infilare Cipriani godendo di un’eccessiva libertà. Reazione? Chi l’ha vista? Lenta, contratta, sotto ritmo, imprecisa, povera di idee. La squadra di Pierini è stata vittima di un mix letale che l’ha condizionata non solo per il finale di primo tempo ma pure per tutto il secondo. Troppo poco il siluro di Sciapi dalla distanza deviato da Barsottini ed il colpo di testa di Visibelli terminato a lato per non far imputare la scarsa consistenza offensiva alle zebre.

Nel giorno della riapertura della gradinata, di un derby che le motivazioni doveva offrirle in abbondanza, è mancata la verve. La paura di vincere ha preso il sopravvento. Altre volte il Viareggio una partita così l’avrebbe persa. Una magra consolazione.

VIAREGGIO-MASSESE 1-1

VIAREGGIO (3-5-2): Cipriani; Visibelli, Fiale, Guidi; Pedruzzi, Rosseti (20′ st Mariani), Bartolini (34′ st Bruzzi), Caciagli, Bicchi (40′ st Lobosco); Benedetti, Sciapi. All. Pierini.

MASSESE (4-2-3-1): Barsottini; Richieri, Milianti, Parenti, Zambarda (20′ st Cauz); Rosaia, Franco; Galelli, Lessa Locko (23′ st Mengali), Vita (28′ st Del Nero); Falchini. All. Pinna.

Arbitro: Moriconi di Roma 2.

Reti: 27′ pt Rosseti, 38′ pt Lessa Locko.

Note: ammoniti Rosseti, Sciapi, Caciagli (Viareggio), Vita, Rosaia (Massese). Angoli 4-8. Recupero 1′ pt, 3′ st.

(Visitato 258 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio massese serie d viareggio

ultimo aggiornamento: 03-04-2016


Serie D Girone E, risultati e classifica dopo la 29a giornata

La fotogallery di Viareggio-Massese