FIRENZE. Cinque misure di custodia cautelare, tre in carcere e due ai domiciliari, sono state eseguite questa mattina dalla polizia nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Firenze su un gruppo criminale attivo in Versilia e dedito alla truffa alle assicurazioni attraverso falsi incidenti stradali. In carcere, su disposizione del gip di Firenze, sono finiti tre presunti affiliati al clan dei Casalesi. Ai domiciliari i titolari di due carrozzerie.
Indagate complessivamente 64 persone, tra cui due avvocati e un medico legale, accusati di aver prestato i loro servizi per avviare le pratiche risarcitorie a seguito dei falsi incidenti.
Tra i denunciati, numerose persone che si sarebbero prestate a ricoprire la parte di ‘attori’ nei falsi sinistri. Secondo quanto spiegato dalla polizia, le indagini, condotte dalla sezione criminalit organizzata della squadra mobile e sviluppatesi nel territorio toscano e, in particolare, nel comprensorio della Versilia, hanno rivelato come i tre presunti affiliati al clan dei Casalesi, “al fine di incamerare somme di denaro destinate alle casse del clan, si sono dedicati ad altre attivit pi remunerative, tra cui le truffe in danno delle compagnie assicurative mediante falsi sinistri stradali”. Le indagini hanno permesso “di ricostruire la struttura verticistica dell’organizzazione criminale dedita alle truffe in danno delle compagnie assicurative, la complessa e articolata organizzazione dei falsi sinistri, i ruoli degli associati, nonchè il linguaggio convenzionale utilizzato per concordare le modalità da seguire”. I dettagli dell’operazione saranno forniti alle 11 nel corso di una conferenza stampa in procura a Firenze.

(Visitato 970 volte, 1 visite oggi)
TAG:
arresti arresto assicurazioni camorra incidenti stradali truffa versilia

ultimo aggiornamento: 05-04-2016


Furto al Centro Risparmio Francesconi

“Mio padre e mio nonno sono innocenti”