“Lunedì 9 maggio a partire dalle ore 9 e per tutta la mattina ci sarà un presidio di fronte allo stabilimento ex Cerpelli a Querceta in via Biagioni, a seguito della “scoperta” all’interno del sito, da parte di un delegato della Rsu, di lavoratori della sede centrale lombarda di Finder Pompe, intenti ad eseguire dei test di prodotto.” Così recita un aspro comunicato di FIOM-CGIL.

“Lo stabilimento doveva essere chiuso e i macchinari smantellati! I trenta dipendenti di Querceta (Seravezza) sono stati licenziati perché secondo la dirigenza il sito versiliese costava troppo e adesso addirittura ci mandano in trasferta il personale da Merate?

Qualcosa non torna e vogliamo vederci chiaro, perciò abbiamo indetto il presidio al quale invitiamo la stampa, la cittadinanza, le istituzioni”

(Visitato 149 volte, 1 visite oggi)

Ritrovato l’uomo scomparso a Stiava

Spacciava in casa da sei anni. Arrestato un uomo a Torre del Lago