Convocazione in prefettura per i sindacati domani lunedì 23 maggio alle ore 9 per lo stato di agitazione del personale della Viareggio Porto.

“La struttura è in condizioni decadenti, sotto organico è costretta a perdere appetibilità e clientela”, osserva Massimiliano Bindocci della Filcams Cgil provinciale. “Si fatica anche a contattare il curatore.

“Di fatto questo poterebbe comportare non solo perdere risorse, ma anche lavorare male, problemi sulla sicurezza e una perdita del valore della realtà, che rischia di tramutarsi nell’ennesima svendita di un gioiello della città nelle mani dei privati. Una sorta di Principino due.

“Per scongiurare tutto questo il personale ha chiesto con assemblea incontro al curatore, il sindacato ha cercato di contattarlo, poi ha chiesto al Comune di farsi tramite ma invano”.

Da qui la richiesta di Massimiliano Bindocci della Filcams Cgil di una convocazione in Prefettura: se non si troveranno delle soluzioni si pensa di scioperare il primo weekend di giugno (ponte del 2) – lo slogan sarà “Chiudere il Porto per non perderlo”.

Le richieste sono le seguenti “e la banalità di alcune fa capire lo stato in cui versa struttura e personale”:.

1) Assunzione di 1-2 lavoratori stagionali (uno anche per 12 mesi) per garantire presidio minimo e godimento ferie e permessi.
2) Ripristino antincendio su tutti i pontili.
3) Ripristino linea elettrica e illuminazione dei pontili, dove mancante.
4) Messa in sicurezza dei pontili, dove necessario.
5) Ripristino dei cancelli d’accesso ai pontili, per impedire l’accesso alle persone non autorizzate.
6) Acquisto di un gommone motorizzato per effettuare interventi di controllo, ripristino degli ormeggi e dare assistenza alle imbarcazioni in difficoltà di manovra.
7) Acquisto di materiale : cime, maniglioni, sagolini da utilizzare per necessità in seguito a mal tempo o incuria.
8) Acquisto di una minima divisa lavorativa per il periodo estivo – 3 maglie, 2 pantaloncini e un paio di scarpe ciascuno.
9) Acquisto di una cassetta di pronto soccorso (tagli e abrasioni sono all’ordine del giorno per i lavoratori dell’approdo).
10) Ripristino tramite sub degli ormeggi mancanti, circa 50, per poter riutilizzare i posti attualmente non fruibili e riposizionare le imbarcazioni ai loro posti. Un preventivo è già stato presentato in ufficio senza però seguito.

(Visitato 82 volte, 1 visite oggi)
TAG:
filcams cgil massimiliano bindocci viareggio porto

ultimo aggiornamento: 22-05-2016


“Principino: discriminazione inaccettabile”

I cimeli di Maffei rimangono dai vigili urbani