La III edizione del Premio Letterario Nazionale Bukowski, organizzato da Associazione Culturale I soliti ignoti in collaborazione con Giovane Holden Edizioni, si archivia con tre vincitori su 729 partecipanti e 90 finalisti. Sabato 25 giugno presso Hotel Esplanade a Viareggio (Lu) circa 160 persone hanno seguito la cerimonia di premiazione per conoscere i nomi dei vincitori delle sezioni romanzo, racconto e poesia inedita. Un successo annunciato quello ottenuto dall’organizzazione del premio dedicato al controverso scrittore americano che alla sua terza edizione vede rinnovarsi il riscontro che già lo aveva caratterizzato nel biennio precedente e si impone come riferimento letterario per gli scrittori emergenti. La Giuria presieduta da Simona Viciani, traduttrice ufficiale di Bukowski per l’Italia, coadiuvato da Rosa Galli Pellegrini docente, saggista, poetessa e romanziera e da Michele Nardini giornalista e saggista ha assegnato, come da bando di concorso, anche alcuni premi speciali.

Il Primo Premio Romanzo inedito è stato assegnato a Gian-Luca Baldi di Padova con “Quello di cui non vogliamo parlare”. La motivazione: “L’evento luttuoso della morte del padre si abbatte sul protagonista del romanzo che attraverso la tecnica stilistica del flusso di coscienza ripercorre la propria vita, quella della sua famiglia e della carriera artistica del padre. L’io narrante rivive la sua infanzia, adolescenza e giovinezza attraverso dei flash back proiettati sullo schermo della memoria. La scrittura agile e puntuale si addentra con sottile perizia e originalità nella delicata sfera delle emozioni. L’amore e la consapevolezza del vuoto incolmabile esplodono con indicibile forza nelle ultime pagine evocando il legame indissolubile tra figlio e padre, tra vita e morte”.

“Gentiana Alba” di Fabio Dri di Porpetto (Udine) ha vinto il Primo Premio Racconto inedito. La motivazione: “Il racconto riesce ad articolare e a racchiudere una storia fortemente drammatica nel breve spazio concesso al genere, rivelando una capacità strutturale di alto livello unita a un’ottima tecnica stilistica e a uno sapiente utilizzo della lingua”.

Infine, Simone Raffaelli di Viareggio (Lu) con la lirica “Estratto di notte d’inverno con ubriaco” ha ottenuto il Primo Premio Poesia inedita. La motivazione: “Ritmo, assonanze e rime si alternano nei versi di questa poesia cogliendo sul vivo e stendendo sulla pagina l’affresco di una inevitabile solitudine accolta con alcolica malinconia bukowskiana”.

Il primo classificato di sezione – romanzo, racconto e poesia – riceve in premio la pubblicazione del proprio lavoro nelle collane di narrativa e poesia di Giovane Holden Edizioni.

(Visitato 264 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Cultura premiazione premio bukowski simone raffaelli viareggio

ultimo aggiornamento: 27-06-2016


Successo per il talk show di Alfonso Signorini

Cinque giovani scultori russi allo studio di Massimo Galleni