Al termine della riunione di martedì 28 giugno, l’Assemblea del Partito Democratico di Camaiore ha approvato all’unanimità la ricandidatura di Alessandro Del Dotto a Sindaco per il prossimo mandato dal 2017 al 2022.  “Per scegliere un candidato senza passare dalle primarie – scrive la segreteria del partito – lo statuto del Partito prevede che ci sia una maggioranza di almeno i tre quinti dei componenti dell’Assemblea, quorum che è stato ampiamente superato. La decisione a Camaiore veniva data per scontata ma l’unanimità dimostra ancora una volta l’unità dei democratici camaioresi attorno al proprio Sindaco e alla propria amministrazione”.
“Unità che in questi anni ha caratterizzato l’intera coalizione di centrosinistra, alla quale, il PD intende rivolgersi per rinnovare il patto per le prossime amministrative.  In un periodo storico particolarmente difficile, per i tagli imposti dai vari governi e l’incertezza normativa che spesso c’è stata, l’amministrazione di Centrosinistra ha messo al centro della propria azione la protezione della comunità, la legalità, il bene comune, l’inclusione sociale e la cultura.  Un rispetto delle regole che può implicare qualche volta rallentamenti e ritardi, ma necessario per costruire quella nuova stagione che i cittadini hanno chiesto con il voto del 2012. Un approccio diverso nei confronti delle partecipate, spesso usate purtroppo per distribuire poltrone, assunzioni e stipendi, con grave danno per il Comune e la comunità. Un rilancio del Centro Storico con la nuova rotonda di accesso, due nuovi parchi, l’arredo urbano, il museo archeologico e la casa del pellegrino, con gli eventi di qualità e richiamo. Un centro che vive è qualità della vita, cultura e socialità. Gli stessi principi che sono alla base del nuovo parco Bussoladomani i cui lavori stanno partendo in questi giorni e anche del rilancio di Capezzano e dell’attenzione per le frazioni.
Durante la discussione sono emersi anche gli elementi di criticità su cui occorre lavorare. Al centro del lavoro odierno e del prossimo mandato resta il tema della sicurezza: quella sociale, quella del territorio, quella dell’ambiente, quella stradale e quella della quotidianità, garantite con la lotta alle disuguaglianze, con la lotta per i diritti e con la lotta contro le illegalità e la microcriminalità. Occorre guardare a un futuro con sempre maggior coinvolgimento dei cittadini per le scelte strategiche: è iniziato un nuovo e importante progetto sulla partecipazione, da potenziare e  e far crescere con un dialogo costante e aperto con i cittadini. Serve puntare agli obiettivi strategici di lungo periodo, con la consapevolezza che essi sono utili per fronte al quotidiano in un contesto difficile, nel quale la comunità deve proteggersi e trovare sicurezza nella lunga serie di nuovi contesti, non sempre positivi, e di cambiamenti che si respirano a livello nazionale, europeo e globale”.
“Il documento presentato da Alessandro Del Dotto ha un titolo significativo: “Non avanti, oltre!”, perché, in sintesi, non ci si può accontentare di continuare; occorre andare oltre, e farlo confrontandoci con i cittadini tutti, accompagnati dalle altre forze politiche e, prima ancora, da tutte le grandi realtà sociali presenti sul territorio nei tanti settori della vita cittadina, per aggiornare e innovare il programma di amministrazione per il prossimo quinquennio. Al Sindaco spetta il compito di trarre le indicazioni dalla gente non solo per parlare delle tantissime cose fatte – su cui ci si era impegnati o che sono state affrontate ancorché impreviste – ma anche di quelle che, previste, restano da fare e di quelle di cui c’è bisogno e che sono le nuove priorità negli anni a venire. Prosegue e si rafforza, dunque, il lavoro fatto di incontri, di analisi e di riflessioni, non semplicemente “per continuare”, bensì per “andare oltre e oltre ancora”, con la consapevolezza che molto può essere cambiato e molto ancora potrà essere migliorato, avendo come obiettivo unico e finale la risposta seria alle reali e concrete esigenze della gente”.
(Visitato 775 volte, 1 visite oggi)
TAG:
camaiore del dotto pd

ultimo aggiornamento: 29-06-2016


Consegna Bidoncini Raccolta Porta A Porta

L’eccidio di Valpromaro, le stragi naziste prima di Sant’Anna