“Giusto che il Tar abbia posticipato la sentenza”

“All’udienza del 29 giugno scorso il Tar Toscana, come predevamo in molti, ha rinviato la decisione all’udienza del 12 luglio 2016 dove era già fissato altro procedimento, promosso da terzi, avente il medesimo oggetto: è stato un bene, a prescindere dalle motivazioni processuali, anche perché si è evitato di avere una decisione nel giorno del lutto cittadino per la strage di Viareggio. Il 12 luglio, con ogni probabilità, avremo la sentenza”. Lo scrive Massimiliano Baldini, capogruppo consiliare del Movimento dei Cittadini.

“Vorrei approfittare per puntualizzare due aspetti: a dispetto di quello che, comprensibilmente, possono pensare i cittadini, il procedimento è stato rapido com’è nello spirito della normativa.

“Abbiamo presentato il ricorso il 10 luglio 2015. Solo un anno dopo possiamo sperare di avere già la sentenza di primo grado. Non male se si tiene conto dei termini a difesa per le parti, dello svolgimento della lunga e complessa verifica in Prefettura a Lucca, di tutti i termini processuali che la legge prevede. Ben difficilmente, di fronte a contenziosi ordinari, le parti possono ottenere la sentenza in un solo anno dall’iscrizione a ruolo del contenzioso.

“Pur essendo ben consapevole degli aspetti politico-amministrativi che sottostanno alla vicenda, vorrei ribadire ancora una volta che questo ricorso ha il fine principale di accertare la regolarità del procedimento elettorale svoltosi il 31 maggio 2015 nelle elezioni comunali viareggine e, di conseguenza, il rispetto del diritto costituzionale al voto di ciascun elettore di Viareggio e Torre del Lago Puccini.

“Sui principi democratici non si scherza ed è bene essere rigorosi, molto rigorosi, nell’interesse di ognuno di noi, tanto più in una città che, a suon di errori, è arrivata fino alla pronuncia dello stato di dissesto del suo Comune. Tutto il resto – la competizione politica intendo – è decisamente secondario”.

Aggiornato il: 30-06-2016 14:32