La Pietrasanta inedita, quella che le guide ufficiali non raccontano, a portata di mano. Presentata a Palazzo Municipale “Versilia insolita: quello che le guide tradizionali non dicono”, una speciale guida per conoscere la città, mettendo a fuoco i suoi lati sconosciuti. Il libro, scritto a quattro mani da Tessa Nardini e Stefania Neri, due giovani versiliese appassionate di storia e turismo, svela a pietrasantini e turisti curiosità e aneddoti della Versilia storica, lasciando emergere i trascorsi meno noti, affascianti e “segreti” della Piccola Atene. Una vera e propria “bussola” per orientarsi tra folklore e tradizioni del nostro territorio, strizzando l’occhio anche alla cucina tipica con qualche ricetta locale. Le due autrici sono state accolte a palazzo civico dal Sindaco, Massimo Mallegni, che vede nella guida un altro utile veicolo promozionale per il nostro comune. “Mi complimento per questa pubblicazione – ha detto il primo cittadino – perché aiuta i turisti a conoscere Pietrasanta e i pietrasantini a riappropriarsi con orgoglio della loro identità e memoria storica”.

Nel volume si ripercorrono la storia di palazzo Perotto, della prima fonderia, del porto di Motrone e del mulino degli Albiani, riportando alla memoria tradizioni come la tariffa del boia e il salto della Cervia. “Abbiamo voluto realizzare un libro da tenere in borsa – hanno spiegato le autrici – non una guida ufficiale, un po’ fredda, ma qualcosa di diverso per invogliare stranieri e cittadini a scoprire o riscoprire questa terra meravigliosa”.

(Visitato 774 volte, 1 visite oggi)

Visita guidata alla mostra “L’Ottocento aperto al mondo”

“Revolution Festival”, festa dei Giovani Comunisti