Anche a quindici anni di distanza, il ricordo dell’11 settembre emoziona e commuove. Nell’anniversario dell’attentato terroristico che ha colpito l’America e sconvolto il mondo intero, Pietrasanta ha commemorato le vittime dell’attacco alle Torri Gemelle, in cui persero la vita 2974 persone. Cerimonia solenne in piazza America di fronte alle Twin Towers, opera della scultrice pratese Beatrice Fineschi, uno dei pochi monumenti in Italia dedicati alla strage. “Un’occasione – ha detto il vicesindaco Daniele Mazzoni – per difendere la nostra identità nazionale e culturale, per dimostrare ai terroristi che la civiltà vince sulla paura. Questa è anche un’opportunità per stabilire un ponte tra Europa e America, da sempre unite nella lotta contro l’estremismo islamico. Gli attentati che vigliaccamente colpiscono civili e bambini, come accaduto di recente a Nizza, non cambieranno i nostri valori”. Presenti alla celebrazione, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, anche gli assessori Simone Tartarini, Cinzia Crivelli, Andrea Cosci e Lora Santini.

Toccanti le parole del vicecomandante della guarnigione dell’esercito statunitense di Camp Darby, David J. Leinbergher: “Quindici anni fa è stata attaccata non solo l’America, ma tutto il mondo. Prima le guerre venivano combattute dai soldati, mentre nel 2001 è cambiato tutto perché sono stati colpiti madri, figli, genitori, nonni. Da allora il terrorismo ha continuato a fare vittime e per i nostri eserciti è una battaglia difficile da combattere perché si tratta di proteggere non solo le persone, ma il nostro modo di vivere e di pensare. Questo monumento simbolizza non solo il passato ma anche il presente e il futuro”.

Nel corso delle celebrazioni il parroco di Marina di Pietrasanta, Don Alessandro Pierotti, ha impartito la benedizione. Le associazioni combattentistiche e d’arma hanno partecipato all’alzabandiera.

(Visitato 130 volte, 1 visite oggi)
TAG:
11 settembre pietrasanta

ultimo aggiornamento: 12-09-2016


Nuovo cartello a Solaio e Vallecchia

Assessori e consiglieri tra i banchi per la prima campanella