Duecentodiecimila e cinquecento  euro sono il budget che l’amministrazione comunale ha messo a disposizione dell’istituto comprensivo per l’anno scolastico 2016-17 da destinare ai  progetti inseriti nel POF, ossia i Piani dell’Offerta Formativa, al sostegno al disagio e agli alunni diversamente abili.  Ventiduemila settecento euro in più rispetto  allo scorso anno.  “Due sostanzialmente gli ambiti nei quali,  in accordo con la dirigenza scolastica e gli insegnanti, abbiamo indirizzato i maggiori investimenti- spiega l’assessore alla pubblica istruzione e sociale Rachele Nardini-  il potenziamento della lingua inglese e il sostegno al disagio nelle classi. A questo proposito, abbiamo confermato il progetto di bilinguismo, che sta andando a regime nella scuola  primaria, coinvolgendo le classi prime e seconde con ben tre ore di madrelingua inglese a settimana. Per quanto riguarda le altre classi, in attesa che il progetto attuale completi il suo corso, ci sarà un’ora settimanale con l’insegnante madre lingua. Sempre sul fronte  della lingua inglese, ne abbiamo potenziato l’insegnamento anche nella scuola dell’infanzia. Riguardo al sostegno al disagio, laddove non ci saranno certificazioni legge 104, forniamo comunque un educatore a supporto dell’insegnante. Fermo restando che copriamo integralmente le  richieste certificate.   La formazione scolastica dei nostri bambini è per noi un punto fondamentale – sottolinea il vice sindaco e assessore al bilancio Michele Molino- tant’è che nel corso degli anni abbiamo costantemente aumentato il budget da investire nella scuola, cercando, anche in tempo di crisi, di ottimizzare le risorse per migliorarne ulteriormente la qualità”. Sedici in tutto i progetti avviati quest’anno, tredici dei quali finanziati dall’assessorato alla pubblica istruzione  e tre dal sociale. Fra i primi troviamo lo studio della lingua inglese, ( 9.900 euro) di educazione musicale (4.950 euro) la stanza dei perché (975 euro), educare al gioco (15.000 euro) e psicomotricità (3.150 euro) e per la scuola dell’infanzia; il progetto di valorizzazione delle eccellenze (6.000 euro), informatica (5.000 euro) e progetto creatività alunni –ceramica- teatro- arti espressive (5.000 euro) per la scuola primaria e secondaria di primo grado; educazione musicale  (11.500 euro) e “impariamo in inglese” (13.750  euro)la scuola primaria; il coraggio della memoria –educazione alla legalità (1.000 euro) per la scuola secondaria di primo grado. Infine, per l’istituto comprensivo ci sarà l’assistenza tecnica dei laboratori informatici e del sito della scuola per un costo di 13.000 euro. Novantaseimila  euro in totale l’investimento per queste iniziative. Più importanti, dal punto di vista economico, i contributi stanziati dal sociale, che coinvolgeranno tutte le scuole dell’istituto comprensivo. Per l’assistenza agli alunni certificati sono state stanziati 72.000 euro e 40.000 euro andranno al progetto “Non uno di meno… prevenire il disagio scolastico a favorire il successo formativo”, che va a sostenere quelle classi in difficoltà per problemi non inclusi nella legge 104.   A parte, riservato alla scuola primaria Don Milani, è stato finanziato il progetto “Star bene insieme… semplicemente l’arte di imparare” per una spesa di 2.500 euro. Complessivamente, l’assessorato al sociale ha stanziato per questi progetti 114.500 euro. A tutto questo vanno aggiunti i 23.118.000 euro  per l’attività motoria che l’assessorato fornisce  alla scuola dell’infanzia e primaria, compreso l’istituto canossiano.

(Visitato 89 volte, 1 visite oggi)
TAG:
anno scolastico finanziamenti Forte dei Marmi rachele nardini scuola

ultimo aggiornamento: 29-09-2016


Promozione turistica, prosegue la collaborazione Forte dei Marmi-Lucca

Bruno Murzi si presenta, sarà lui il candidato sindaco di Noi del Forte