Ricordate il collettivo artistico Dada Boom, quello che creò la figura del (fittizio) profeta Luca Fani con tanto di (falso) profilo Facebook? Adesso è tornato alla riscossa con san Miracolo “protettore delle fontane”: il riferimento è all’avvocato Fabrizio Miracolo, ex presidente di Sea Ambiente, e alle fontane che si erano spente dopo la caduta della giunta Del Ghingaro a seguito della sentenza con cui il Tar Toscana ha annullato le elezioni amministrative di Viareggio.

“Viareggio, nonostante i peccati e l’incredulità dei suoi abitanti che sono arrivati a rifiutare le sante parole del profeta Luca Fani, è stata investita, nuovamente, dalla divina provvidenza”, scrive il collettivo. “Se la città cade a pezzi non lo è per le sue fontane, da cui grazie ad un ‘miracolo’ ora sgorga vino. Un vino prodotto dalle cantine del ‘Buonvento’ (l’associazione culturale che fa capo all’ex sindaco Del Ghingaro, ndr) e che improvvisamente ha iniziato a sgorgare da tutte le fontane.

“Il prodigio soprannaturale è merito di san Fabrizio Miracolo protettore delle fontane. Ci auguriamo adesso che i viareggini infedeli si pentano e che inizino a riporre fede in lui per le prossime grazie. Abbiamo bisogno non solo di fontane di vino ma di case, di acqua pubblica, di lavoro, di ambiente sano, di una città diversa da come è adesso.

“Per questo il collettivo Dada Boom ha deciso di venerare il nuovo santo di Viareggio e annunciare il miracolo”.

(Visitato 173 volte, 1 visite oggi)
TAG:
DADA BOOM fabrizio miracolo fontane viareggio

ultimo aggiornamento: 04-10-2016


La Festa del Partito Comunista e le ragioni del “No”

A Viareggio la “festa tricolore” di Fratelli d’Italia