Scordatevi nuove dichiarazioni al veleno di Marco Masi nei confronti della proprietà e più direttamente di Fabrizio Tonelli. Il tecnico del Viareggio accoglie con soddisfazione il passaggio del turno in Coppa Italia. Ma non lo dà a vedere. “Finalmente rivedo sorridere i ragazzi – ammette – in questi mesi sono sempre stati con la testa china. Domenica ero arrabbiato e dispiaciuto, perché so cosa serve dentro lo spogliatoio. Noi siamo meglio di quello che stiamo facendo sul campo”.

I problemi contingenti non nascondono comunque quanto di buono è emerso dal match con l’Unione Sanremo, “anche se abbiamo di nuovo commesso un’ingenuità. Faremo come sempre: ripartiremo dagli errori e cercheremo di correggerli”. E poi le note liete, una dopo l’altra. Bruzzi e Chicchiarelli. “Mi sono piaciuti molto, entrambi. Si sono mostrati disponibili al sacrificio”. Mattei. “Un ragazzo su cui si può lavorare, in costante crescita. Purtroppo non l’ho avuto a disposizione per alcune settimane a causa di un infortunio”. Genovali. “Un’ottima prestazione, da centrale di destra nella difesa a tre può fare bene”.

Non mancano però i patemi d’animo per le assenze in vista di domenica, quando il Viareggio sarà ospite del Ligorna. “La coperta è corta, specie in difesa”, non nasconde il tecnico. Sicuri i forfait di Mattei (squalificato), Manca (out per motivi familiari), Rosa Gastaldo (infortunato di lungo corso). Sulla via del pieno recupero Pagano e Villagatti, da valutare le condizioni di Minichino, uscito per un problema muscolare.

Masi conclude con una battuta, in riferimento alla sostituzione del portiere effettuata dall’Unione Sanremo poco prima che terminassero i tempi regolamentari in vista dei rigori. “Io non lo avrei mai fatto, lo trovo offensivo quello (l’estremo difensore) che ha disputato la partita”.

(Visitato 377 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio marco masi viareggio

ultimo aggiornamento: 26-10-2016


Genovali, il rigore-qualificazione e la corsa sotto la tribuna: “Che emozione”

La fotogallery di Viareggio-Unione Sanremo