Non servirà a risolvere i problemi societari, ma quantomeno far sorridere un po’ una squadra col morale sotto i tacchetti perché non vede un euro da mesi, sì. La qualificazione agli ottavi di Coppa Italia Serie D – conseguenza del successo ai rigori sull’Unione Sanremo – è il giusto premio per un Viareggio che a fronte di una situazione assurda sta trovando dentro di sé quelle risorse mentali per tornare a rivedere la luce, almeno in termini di risultati.

E poco importa se sono serviti i tiri dal dischetto, come contro la Fezzanese, per accedere al turno successivo dove l’avversario si chiamerà Montecatini, che sempre dagli undici metri ha estromesso il GhiviBorgo. Masi ha schierato un undici rimaneggiato, privo inizialmente di Guidi, Villagatti, Chelini, Bacigalupo, Russo, Rosati, Di Paola, Pagano. Tutti titolarissimi. Eppure la squadra in campo è piaciuta, almeno per la prima ora. Poi, come contro il Jolly Montemurlo, ha pagato a caro prezzo un errore, stavolta di Cipriani (può capitare anche ai migliori di sbagliare).

Lo stesso portiere ha comunque rimediato ad una lettura incerta di un lancio dalle retrovie tramutato da Vitiello nella rete dell’1-1 con un luccicante pallonetto, respingendo un rigore all’interno di un’infinita sequenza terminata con la trasformazione di Genovali. Era stato invece Chicchiarelli in avvio di ripresa a spostare in favore delle zebre il punteggio, deviazione aerea provvidenziale sul traversone da sinistra di De Magistris, costretto ad uscire anzitempo colpa dei crampi.

Fuori anche Minichino, fermato da un problema muscolare, motivo di forte preoccupazione per Masi in vista della trasferta di domenica a Genova contro il Ligorna dove per squalifica mancherà Mattei, altra prova confortante dopo quella col Jolly Montemurlo nonostante l’espulsione.

Pacciardi da difensore è piaciuto, affiancato da un Genovali mai così positivo, merito anche di una condizione finalmente ritrovata. Chicchiarelli e Bruzzi si sono cercati, il tecnico ha apprezzato il loro impegno di fase di non possesso, con inevitabile dispendio di energie che li ha privati della necessaria lucidità sotto porta.

Chicchiarelli ha sbagliato uno dei penalty, così come Papi. Gli altri (Rosati, Bruzzi, Russo, Mariani, Guidi, Mattei, Defilippi e Genovali) no. Tanti, come tanta è stata la gioia per un passaggio del turno che non cambierà le loro vite e neppure le loro carriere. Ma che li ha resi felici, almeno per un giorno.

VIAREGGIO-UNIONE SANREMO 1-1 (9-8 dcr)

VIAREGGIO (3-5-2): Cipriani; Genovali, Pacciardi (23’ st Guidi), Defilippi; Mariani, Papi, Minichino (27’ st Russo), Mattei, De Magistris (33’ st Rosati); Bruzzi, Chicchiarelli. All. Masi.

UNIONE SANREMO (4-3-2-1): Palmieri (47’ st Massolo); Odigwe (1’ st Castellani), Cabeccia, Sirigu, Anzaghi; Zanette, Taddei, Monteleone; Paulis, Palumbo (26’ st Gaeta); Vitiello. All. Riolfo.

Arbitro: Berti di Varese.

Reti: 4’ st Chicchiarelli, 16’ st Vitiello.

Sequenza rigori: Cabeccia (U) gol, Rosati (V) gol, Monteleone (U) gol, Chicchiarelli (V) parato, Taddei (U) alto, Bruzzi (V) gol, Castellani (U) parato, Russo (V) gol, Gaeta (U) gol, Papi (V) parato, Palumbo (U) gol, Mariani (V) gol, Paulis (U) gol, Guidi (V) gol, Zanette (U) gol, Mattei (V) gol, Anzaghi (U) gol, Defilippi (V) gol, Sirigu (U) alto, Genovali (V) gol.

Note: ammoniti Pacciardi, Chicchiarelli (Viareggio), Sirigu (Unione Sanremo). Angoli 5-4. Recupero 1’ pt, 4’ st.

 

(Visitato 239 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio coppa italia serie d Unione Sanremo viareggio

ultimo aggiornamento: 26-10-2016


Europei Under 20 di hockey, Italia ko col Portogallo

Genovali, il rigore-qualificazione e la corsa sotto la tribuna: “Che emozione”