Le imprese agricole e florovivaistiche del Brentino, frazione agricola tra Massarosa e Viareggio, non ce la fanno più. “Se non ci pensa lo Stato ci pensiamo da soli. Ci stiamo organizzando in ronde per pattugliare la notte le nostre aziende e difenderle dai continui e snervanti raid di ladri e vandali. La situazione è diventata insostenibile. Non si può più andare avanti così. Rubano tutto: dai vestiti agli ortaggi, dagli utensili ad ogni oggetto che può avere un qualche valore”: è durissimo il commento di Cristiano Genovali, Presidente Coldiretti Lucca. La sua azienda è una delle decine di attività che è stata derubata per l’ennesima volta. Già lo scorso marzo, sempre Coldiretti, aveva manifestato la sua preoccupazione per i tanti troppi ladrocini subiti dalle imprese agricole in quella particolare zona che confina con l’imbocco del casello autostradale di Viareggio.

Nel frattempo, dieci mesi dopo, il fronte si è allargato anche alla zona agricola tra Viareggio a Torre del Lago. Anche qui i ladri si fanno vedere e sentire con sempre più insistenza. “Nella mia azienda – spiega Genovali – hanno rubato almeno venti volte: piccoli furti, ripetuti. Ma così sta succedendo nelle altre aziende. E’ un continuo rovistare nelle serre e nei magazzini. L’ultimo furto risale a stanotte: all’interno di un’azienda agricola hanno portato via tutta la frutta e la verdura in esposizione”. Il furto nelle campagne, nelle aziende agricole e nelle cantine è un fenomeno in costante crescita. In Italia, solo nel 2015, sono avvenuti 2.570 furti di attrezzature e trattori ed anche 490 casi di abigeato. Bande e gruppi di ladri, anche organizzati, vanno alla ricerca di mezzi agricoli, persino di olio, bestiame ed utensili da lavoro facilmente rivedibili sul mercato nero. Poi ci sono tutti i piccoli furti di prodotti agricoli. Non tutti i furti e le razzie sono però denunciate: “poi perdi anche la voglia di denunciare – spiega ancora Genovali – perché denunci una volta, due volte, tre volte ma poi alla quarta di stanchi perché se non ti arrangi da solo nessuno viene in tuo aiuto. Esiste un problema di sicurezza che va affrontato anche nelle aree artigianali ed agricole: non c’è solo il centro di Viareggio. Ora ci sentiamo in diritto di provvedere da soli a tutelare le nostre imprese”.

Le imprese agricole della zona costituiranno un comitato organizzato che avrà l’obiettivo di presidiare, la notte, l’area: “Siamo delusi, arrabbiati e stanchi di dover andare a dormire con un occhio aperto tutte le notti e con il pensiero di ritrovarsi all’indomani con l’azienda sotto sopra perché qualcuno si è sentito in diritto di andare a fare shopping a spese nostre. Dalla prossima settimana inizieremo con i primi turni. E’ nostra intenzione organizzare un incontro anche con il Prefetto di Lucca”.

Per informazioni vai su www.lucca.coldiretti.it e pagina twitter @coldirettitosca

(Visitato 177 volte, 1 visite oggi)