“La mia avventura in Sea Risorse finisce oggi. Ho deciso di dare le dimissioni dal mio incarico dopo mesi che subivo pressioni in questo senso”.
Così l’ormai ex Presidente di Sea Risorse, Alice Lepore commenta le sue dimissioni.
“Ho deciso di farlo solo ora, dopo che il progetto di bilancio per l’esercizio del 2016 è passato dal cda. Ho ritenuto di farlo per me, per il mio lavoro e per l’impegno che ho messo in tutto l’anno appena trascorso. Quando sono arrivata in Sea Risorse, al presidente non era riservato nemmeno l’ufficio. Da subito ho dato il mio taglio personalissimo. E sono stata soprattutto la presidente per entrambi i soci pubblici: Comune di Viareggio e Comune di Camaiore. Mi sono messa a disposizione entrando in punta di piedi e avendo grande rispetto verso chi in azienda lavora. Sono una persona onesta, una cittadina prestata alla politica, una persona seria e leale. Lealtà che ho dimostrato soprattutto nei confronti dei cittadini, verso i quali mi sono presa un impegno e quell’impegno ho portato a termine. Non ho usato l’azienda per fare una lotta politica all’altro socio pubblico (Camaiore ) e soprattutto al suo sindaco. Perché ritengo che questo non sia corretto e sono convinta che chi ricopre un ruolo istituzionale debba avere un profilo alto, che non riscontro nei rappresentati politici a Viareggio. Quando ho accettato l’incarico che il sindaco Del Ghingaro aveva pensato di affidarmi non avevo capito che il progetto fosse di agire in contrasto con il Comune di Camaiore e i suoi rappresentanti in azienda, convinta più che mai che la concertazione sia l’unica strada percorribile nell’interesse primario dei cittadini. Altrimenti non avrei accettato. Ritengo che il ruolo di un sindaco sia quello di unire e non dividere: solo così riusciamo a superare il dissesto più grande dei nostri tempi, che non è quello economico, ma la mancanza di valori e soprattutto di buoni esempi. Un sindaco è prima di tutto l’educatore di una comunità. Deve dare il buon esempio, essere coerente con ciò che dice, e declinare il pensiero in azioni. Invece, nell’azione politica portata avanti fino ad ora, non mi sembra di aver visto niente di tutto questo. Troppo Facebook e poco contatto con i cittadini.
Il sindaco, la sua Giunta, il consiglio comunale attraverso atti di indirizzo e delibere hanno voluto fortemente l’estensione del Pap a tutta la città entro fine 2016. Nei miei incontri con il commissario lo stesso ha sempre confermato la volontà di continuare il progetto iniziato dall’amministrazione. E così ho fatto. Mi sono messa in gioco in prima persona e mentre, sotto il solleone un cittadino qualsiasi gridava “Fermatevi”, ho rassicurato i cittadini e i lavoratori, mi sono spesa ed impegnata affinché tutti gli investimenti fatti, anche in termini di personale, non andassero dispersi. Il Pap ad oggi è attivo anche nelle nuove zone individuate. Ma, evidentemente, questo è stato letto come una mancanza di lealtà. Da quel momento non ho avuto più contatti con Del Ghingaro. Ancora oggi non ho saputo il perché il sindaco ha invertito la rotta nei miei confronti. Ad oggi, nonostante le diverse richieste da parte mia di un incontro chiarificatore, ciò non è avvenuto. Forse non lo ha ritenuto importante, o forse non ha voluto sentirsi dire verità scomode. Non lo saprò mai, e francamente a questo punto poco mi interessa. Quello che so è che la mia avventura in Sea Risorse è stata molto impegnativa e formativa e io ce l’ho messa davvero tutta per fare andare le cose nel modo giusto per i cittadini di Viareggio e di Camaiore. Tutti possono sbagliare. Se un errore l’ho fatto, e mi scuso con i cittadini, è stato quello di sostenere Del Ghingaro. Tante sono le persone che mi hanno aiutato durante quest’anno e mezzo e ringrazio tutti: i dipendenti delle due aziende, i tanti amici e cittadini che mi sono stati vicino, il sindaco di Camaiore e la sua Giunta, Alessio Ciacci, le associazioni Legambiente, Viareggio Pulita e Smart&Co2. Ma ad una persona in particolare va il mio ringraziamento: Amando Mancini. Nel cui ufficio è stato ricavato il mio, e i cui insegnamenti di una vita sono stati preziosi per districarmi nella giungla che è la politica”.
(Visitato 1.568 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alice lepore dimissioni sea sea risorse viareggio

ultimo aggiornamento: 09-02-2017


Putignano sfotte, e Viareggio che fa?

Veglione di Carnevale “C’era una volta a Camaiore”