“Abbiamo letto l’articolo dell’Assessore Felici volto a “chiarire” la distribuzione delle telecamere nel paese al fine di evitare che qualcuno “rappresenti una situazione diversa da quella effettiva”. Entriamo quindi nel merito di questo chiarimento”.

Noi del Forte risponde all’assessore Felici.

“L’assessore evidenzia che sul territorio sono presenti 22 telecamere. Dimentica però di evidenziare che le telecamere ruotanti e quelle fisse sono installate nello stesso luogo. In sostanza ad oggi vi sono solamente 11 luoghi in paese dove sono collocate le telecamere: le scuole Ugo Guidi, la piazza Lido Poli,il ristorante Madeo, lo stadio, l’incrocio  tra via xx settembre e viale morin, piazza Garibaldi, zona pontile, presso Cassetti, Piazza Tonini e Palazzo Quartieri. 11 punti dove la telecamera vecchio modello mobile è stata associata ad una telecamera fissa ad alta definizione. E’ bene evidenziare quanto sopra perchè chi legge il comunicato dell’Assessore potrebbe pensare che esistano 22 punti di controllo in Paese, mentre così non è. Assurdo poi citare nell’elenco (tanto fanno numero!) le telecamere presso il Comando della Polizia Municipale che sono semplici telecamere di vigilanza dell’esterno come quelle che possono essere presenti in qualsiasi abitazione di privati (ci mancherebbe che il comando non avesse telecamere di controllo dell’esterno). Abbiamo illustrato nel dettaglio il nostro programma sulla sicurezza nel paese nel nostro incontro del 4 febbraio scorso punto per punto e certamente la nostra previsione di implementare le telecamere mediante la realizzazione di un centro di controllo h 24 è solo una parte di tale programma. Confidiamo che anche l’attuale amministrazione stia predisponendo un puntuale progetto sulla sicurezza che non si limiti a considerare due volte (22 anzichè 11) i punti di controllo sul territorio”.

(Visitato 148 volte, 1 visite oggi)

Noi del Forte. “Chi è d’accordo con il nostro programma ci aiuti a cambiare l’amministrazione”

“Un cimitero per gli animali nel comune di Forte dei Marmi”