La Universal Youth Cup -Torneo Internazionale Apuane -Memorial Dott.Michele Aliboni,  giunta quest’anno alle sua settima edizione, si presenta sul palcoscenico versiliese con importanti novità.  Nuova organizzazione e logo,  nonché più squadre, partite ed atleti, le new entry di questo importante evento dello sport, ma anche del turismo, nato nel 2011 per ricordare il  medico  fortemarmino Michele Aliboni. Una competizione di calcio giovanile approvata da FIGC e organizzata da Players&Events, Area Sport Eventi  in cooperazione con il Comune di Forte dei Marmi, che fin dall’inizio ha creduto e investito in questo evento, a cui si sono affiancati  anche il Comune di Camaiore, di Pietrasanta e di Montignoso, mettendo a disposizione gli impianti sportivi.  L’appuntamento sarà a Forte dei Marmi dal 14 al 16 aprile con 64 squadre  di giovanissimi atleti classe 2006, essendo la competizione calcistica riservata agli under 11.  Fra i  club in gara alcuni dei più prestigiosi come: Milan, Ajax, Juventus, Benfica, Siviglia, Pars Saint Germain, Chelsea, Torino, empoli, Lokomotiv Mosca, Atalanta, Fiorentina, Genoa, Lugano, Sassuolo, Cittadella, spezia e Venezia. Venerdì 14 aprie alle 18.30 in Piazza Garibaldi  ci sarà la cerimonia di apertura, con la sfilata dei giovanissimi giocatori. “Il Torneo Alpi Apuane – ha dichiarato  Lucacchini –  oltre a rappresentare un valore affettivo per il nostro paese, in ricordo  Michele Aliboni, ancora una volta, proietterà Forte dei Marmi sotto i riflettori nazionali e internazionali del panorama sportivo. Parallelamente, avrà una sicura ripercussione turistica, attirando sul nostro territorio durante il periodo pasquale,  tanti giovanissimi atleti con le loro famiglie e semplici appassionati, che rimarranno in visita per tutto questo periodo”.

 

 

 

(Visitato 314 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio Forte dei Marmi sport trofeo universal youth cup

ultimo aggiornamento: 10-04-2017


“Universal Youth Cup – Torneo Internazionale Apuane” in Versilia

Campionato di calcio a 7 UISP e Coppa Versilia, un finale sempre più incerto