Sono stati ulteriormente intensificati durante gli ultimi giorni i controlli dei Carabinieri su tutto il territorio dei Comuni della Versilia al fine di prevenire la commissione di furti, scippi e rapine, e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare, come disposto dal Prefetto di Lucca e dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, sono stati condotti mirati servizi di osservazione in alcune località che nell’ultimo periodo erano state interessate da movimenti sospetti.
Proprio durante tali controlli, in una prima circostanza, i Carabinieri della Stazione di Pietrasanta e della Stazione di Marina di Pietrasanta hanno tratto in arresto in flagranza di reato un uomo, nato in Marocco classe 1994, residente a Viareggio, nullafacente, incensurato, poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare i militari durante la nottata di giovedì si appostavano in via Tre Ponti ove era stato allestito un market della droga sempre attivo. Il via vai di autovetture era sin da subito molto sostenuto e all’ennesimo scambio i militari intervenivano bloccando dopo un breve inseguimento il cittadino straniero. I Carabinieri sottoponevano quindi lo stesso a perquisizione trovandolo in possesso di 28 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina suddivisi in 39 dosi e 1,9 grammi di hashish.
L’uomo è stato allora condotto in caserma e, terminate le formalità di rito, veniva accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, ove ha atteso la celebrazione dell’udienza di convalida che ha avuto luogo presso il Tribunale di Lucca. A seguito dell’udienza l’arresto è stato convalidato ed il predetto è stato condannato alla pena di 2 anni di reclusione con pena sospesa.
In un secondo episodio, a seguito di un altro mirato servizio di osservazione, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Viareggio hanno tratto in arresto in flagranza di reato l’uomo, classe 1957, disoccupato, pregiudicato, poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare i militari, durante la serata di ieri, intervenivano presso l’abitazione del predetto sita in una delle frazione del Comune di Seravezza, ove erano stati notati strani movimenti L’uomo si mostrava sin da subito particolarmente agitato ed i militari operanti eseguivano un’attenta perquisizione a seguito della quale venivano scovati oltre 11 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina suddivisi in 12 dosi e la somma in contanti di 2450 euro, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.
Il pusher è stato allora condotto in caserma e, terminate le formalità di rito, veniva accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, ove ha atteso la celebrazione dell’udienza di convalida che ha avuto luogo nella mattinata odierna presso il Tribunale di Lucca. A seguito dell’udienza l’arresto è stato convalidato ed il predetto è stato condannato alla pena di 1 anno e 6 mesi di reclusione che sconterà agli arresti domiciliari.
(Visitato 1.252 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento