Settembre, effetto festival! Da Sarzana a Mantova, da Camogli a Pordenone passando per Modena, Carpi e Sassuolo, deviando per Carrara e facendo tappa a Livorno: il mese che dà inizio all’autunno segna il trionfo culturale della bella provincia italiana. Anche la nostra

Settembre si sa, è il mese del ritorno alle “cose da fare” della vita. Ricominciano le scuole, si rientra dalle ferie, si riparte con i buoni propositi: dal segnarsi in palestra alla rimandata dieta salutista che vede ridurre drasticamente ad uno, massimo due a settimana, gli aperitivi fuori con gli amici. 

Per tutti coloro però che hanno ancora qualche giorno di vacanza e pensano (menomale) che allargare le proprie conoscenze e prospettive sia uno dei punti in cima alla lista delle “cose da fare”, vi raccontiamo tutti i festival culturali che scandiranno i prossimi fine settimana.    

Festival della Mente a Sarzana

Festival della Mente Sarzana
Festival della Mente Sarzana

Prima segnalazione ex post doverosa per il Festival della Mente di Sarzana (1-3 settembre) che si è appena concluso. La kermesse sarzanese, giunta alla quattordicesima edizione, rappresenta il primo festival europeo dedicato alla creatività e alla nascita delle idee. Diretto da Benedetta Marietti con la consulenza scientifica di Gustavo Pietropolli Carmet, il ricco programma di quest’anno ha visto la partecipazione di oltre 65 relatori italiani e stranieri tra scienziati, filosofi, scrittori, storici, artisti, psicoanalisti, designer e antropologi che si sono confrontati sul tema della rete, declinato in tutte le sue molteplici sfaccettature: “dal web alla rete intesa come insieme di relazioni umane dalle reti che ci ingabbiano e imprigionano all’esplorazione delle reti neurali nelle neuroscienze; dalla rete della solidarietà fino all’importanza della rete nella biologia, nella fisica, nella matematica, e perfino nello sport”.  A breve saranno visibili sul sito della manifestazione tutti i video dei 41 incontri svoltisi.

Festival della Comunicazione a Camogli

Festival della Comunicazione camogliIl prossimo weekend bisognerà invece avere il dono dell’ubiquità perché gli appuntamenti sono molteplici e tutti di indubbio interesse.

Rimanendo sempre su territorio ligure e non allontanandosi troppo dal tema sarzanese della rete, vi segnaliamo il Festival della Comunicazione di Camogli (7-10 settembre) che vede il suo fil rouge nelle connessioni e nell’essere connessi. Consapevoli che senza connessioni non c’è conoscenza, 130 tra i più autorevoli esponenti del mondo della comunicazione si confronteranno appunto sulle “connessioni della nostra labirintica realtà per capire il modo in cui la società di oggi sia arrivata all’attuale organizzazione politica, economica e culturale, quali siano i suoi protagonisti, le sue forze trainanti, le sue fucine, dove stia andando e a quali traguardi voglia arrivare”. Sarà Piero Angela a ricevere il Premio Comunicazione per il 2017, mentre spetterà al Presidente del Senato, Pietro Grasso aprire questa quarta edizione con la lectio “Le connessioni della politica”. Seguiranno conferenze, dialoghi, tavole rotonde, interviste, laboratori, spettacoli, escursioni, mostre: più di 80 incontri gratuiti ed aperti a tutti fino ad esaurimento posti che potranno essere seguiti anche in streaming sul sito del festival. 

Ecco alcuni degli ospiti: Alessia Gazzola, Alessandro Piperno e Mirella Serra (scrittori); Oscar Farinetti (imprenditore); Claudio Bisio, Nicoletta Braschi, Edoardo Leo, e Marco Paolini (attori); Pif (regista); Evgeny Morozov (politologo); Severino Salvemini e Paola Schwizer (economisti); Daniele Doesn’t Matter e Michael Righini (youtuber); Waletr Veltroni (politico); Gherardo Colombo (ex magistrato); Salvatore Aranzulla (divulgatore informatico); Paolo Fabbri (semiologo); Claudio Bartocci e Piergiorgio Odifreddi (matematici); Paolo Crepet (psicologo); Carlo Freccero (autore televisivo); Marino Sinibaldi (direttore di Radio Rai3); Monica Maggioni (presidente Rai); Mario Calabresi, Fabio Caressa, Aldo Cazzullo, Luca de Biase, Ferruccio de Bortoli, Federico Ferrazza, Federico Fubini, Aldo Grasso, Massimo Gramellini, Gad Lerner, Maurizio Molinari, Pierluigi Pardo, Federico Rampini, Massimo Russo, Beppe Severgnini (giornalisti).

Con-vivere a Carrara

convivere carraraSempre dal 7 al 10 settembre, ci spostiamo a Carrara in Toscana ma continuiamo ad approfondire il tema della rete, anzi delle reti. Dopo le Frontiere del 2016, la XII edizione di Con-vivere, il festival organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara con la direzione scientifica di Remo Bodei, indagherà legami, ponti e relazioni. “A partire dall’età moderna – spiega infatti Bodei – in seguito alla scoperta dell’intero globo, si sono fatti sempre più frequenti gli scambi su scala planetaria. Ad oggi le relazioni si sono talmente intensificate da aver superato ormai ogni confine fisico, culturale o politico. Catalizzatore di questo processo è lo sviluppo scientifico e tecnologico, che pone a sua volta continue e cruciali sfide Come cambiano relazioni, legami e la percezione della propria individualità? Come interpretare i cambiamenti prodotti dai nuovi media digitali?”.

Quattro giorni dalle 17:00 alle 24:00 in cui tra musica, cinema, cibo, mostre ed eventi collaterali, alcuni tra i più noti protagonisti della scena culturale, economica e politica (come Vittorio Andreoli, Edoardo Boncinelli, Maria Chiara Carrozza, Paolo Crepet, Alessandro Farruggia, Maurizio Ferraris, Alan Friedman, Franco Gabrielli, Marco Giallini, Myrta Merlino, Francesco Occhetta, Piergiorgio Odifreddi, Dino Pedreschi, Cesare Maria Ragaglini, Federico Rampini, Marco Revelli, Guido Tonelli, Luigi Maria Vignali) si interrogheranno sulle dinamiche delle relazioni affettive, umane e sociali.

Festivaletteratura a Mantova

Festivaletteratura - Chiostro di San FrancescoE sempre questa settimana, dal 6 al 10 settembre, si svolge anche il capostipite di tutti i festival letterali nostrani: il Festivaletteratura di Mantova. Cinque giorni durante i quali, in oltre 330 eventi sarà possibile incontrare più di 360 autori italiani e stranieri, famosi ed emergenti. E si potrà inoltre sperimentare progetti partecipati di lettura, ricerca e rielaborazione dei saperi, entrare in spazi per la promozione del talento, partecipare a momenti di formazione confidenziale.
Tra gli autori internazionali più attesi di questa XXI edizione c’è la scrittrice nigeriana, emblema della lotta al sessismo e al razzismo che Beyoncé ha citato in una sua canzone: Chimamanda Ngozi Adichie. Sarà lei la star del giorno di apertura. Mentre la chiusura è affidata allo scrittore cinese Yu Hua, autore di Cronache di un venditore di sangue (Einaudi) più volte candidato al Nobel, che si definisce un “non istruito”.

E nel mezzo? I giallisti Elizabeth George ed George Saunders che presenta a Mantova il suo primo romanzo Lincoln nel Bardo (Feltrinelli), Helen Phillips con La bella burocrate (Safarà editore).
E poi ancora i grandi autori con Arturo Perez-Reverte che presenta Il codice dello scorpione (Rizzoli), Elizabeth Strout con i racconti di Tutto è possibile (Einaudi), Richard Mason, autore del bestseller Anime alla deriva, con il nuovo Il respiro della notte (Codice).

Ci sarà anche il pluripremiato scrittore angolano Jose Eduardo Agualusa, autore di Teoria generale dell’oblio (Neri Pozza) in cui racconta la crudeltà degli ultimi quarant’anni di storia angolana.

Joby Warrick, giornalista del Washington Post e due volte premio Pulitzer, presenta Bandiere nere (La nave di Teseo) in cui ripercorre la vicenda dell’Isis. Lo scrittore libico Hisham Matar, premio Pulitzer 2017 per l’autobiografia presenta Il ritorno (Einaudi).

Tra gli scrittori italiani segnaliamo i finalisti Strega 2017, Teresa Ciabatti con La più amata (Mondadori) e Alberto Rollo con Un’educazione milanese (Manni) e Michele Mari con Leggenda privata (Einaudi).

Pordenonelegge

Pordenone leggeNoto come la “festa del libro con gli autori”, Pordenonelegge è l’appuntamento che marca la metà del mese. Dal 13 al 17 settembre per il diciottesimo anno consecutivo, il capoluogo del Friuli-Venezia Giulia torna ad essere il luogo in cui “raccontare il mondo e sentire le sue voci. Perché il mondo parla con molte voci e in molte forme, e i libri sono ancora il crocevia privilegiato del loro incontro”.

Dalle provocazioni letterarie alle discussioni d’accademia fino alle contaminazioni con cinema e teatro, ad inaugurare questa edizione sarà Carlos Ruiz Zafòn, lo scrittore spagnolo più amato e letto, best seller mondiale con la Tetralogia di Barcellona. Ci sarà anche Luis Sepùlveda che presenterà in anteprima nazionale il suo libro Storie ribelli, una raccolta di racconti legati al suo impegno politico e civile.  E poi, le scrittrici statunitensi Elizabeth Strout e Jennifer Niven, gli inglesi Lawrence Osborne e David Lodge che presenteranno anche loro in anteprima i nuovi romanzi. E ancora il continuatore di Millennium David Lagercrantz, il russo Andrej Astvacaturov, lo statunitense David Leavitt, l’ecosaggista Vandana Shiva e l’ex modella francese Victoire Maçon Dauxerre che parlerà in anteprima il suo saggio sull’anoressia. Quindi Jean-Paul Fitoussi, Rutger Bregman, Thomas Hylland Eriksen, Bernard Stiegler, Catherine Millot, i cartoonist spagnoli Juan Dìaz Canales e Rubén Pellejero, l’autore azzero Kamal Abdulla. A Wole Soyinka sarà consegnato il Premio Crédit Agricole Friuladria La storia in un romanzo.

Tra gli autori italiani: Paolo Cognetti, Domenico Starnone, Stefano Benni Walter Siti, Emanuele Trevi, Gianrico Carofiglio, Giuseppe Culicchia, Marcello Fois, Silvia Avallone, Mauro Covacich, Diego De Silva, Mariapia Veladiano, Marco Malvaldi, Gianni Biondillo, Enrico Brizzi, Francesca Melandri, Teresa Ciabatti, Maria Venturi, Enrico Galiano, Federica Manzon, Pino Roveredo, Caterina Soffici, Giovanni Nucci.

Festival della Filosofia a Modena, Carpi e Sassuolo

Festival della filosofia di modena

Dal 15 al 17 settembre torna anche il Festival della Filosofia, quest’anno incentrato sul tema delle arti, degli artisti e dei processi creativi.
200 gli appuntamenti gratuiti in programma (tra lectio magistralis, mostre, performance e laboratori per i più piccoli, nonché cene filosofiche) che si svolgeranno in 40 posti diversi durante i quali si discuterà della radice comune delle arti e delle tecniche, si parlerà di lavoro e di opera, si indagherà sull’estetizzazione del mondo e dei suoi significati, e si analizzeranno le trasformazioni nella figura degli artisti e degli artefici.

Non solo filosofi tra i relatori, ma anche esponenti del mondo del giornalismo, della cultura e dell’impresa, artisti, attori e politici. Tra questi Enzo Bianchi, Massimo Recalcati, Brunello Cucinelli, Roberto Esposito, Umberto Galimberti, Massimo Cacciari, Emanuele Severino, Michela Marzano, Salvatore Natoli, Carlo Sini, Silvia Vegetti Finzi e Remo Bodei. E poi ancora, Agnès Giard, Marie José Mondzain, Georges Vigarello Gilles Lipovetsky, Nathalie Heinich, Jean-Luc NancyMarc Augé dalla Francia, James Clifford dagli Stati Uniti, Daniel Miller dall’Inghilterra, Deyan Sudijc dalla Croazia, Rahel Jaeggi dalla Germania e Francisco Jarauta dalla Spagna.

Il senso del Ridicolo a Livorno

il-senso-del-ridicolo-2017A chiudere (col sorriso) questo mese di cultura, arte, libri, saperi ed idee torna a Livorno, dal 22 al 24, Il Senso del Ridicolo, il festival sull’umorismo, sulla comicità e sulla satira diretto da Stefano Bartezzaghi e promosso da Fondazione Livorno.  Tra letteratura, poesia, teatro e cinema ma anche mostre, approfondimenti culturali e politici, laboratori per bambini e ragazzi, Giulia Addazi, Marco Ardemagni, Sonia Bergamasco, Agata Boetti, Matteo Caccia, Sara Chiappori, Teresa Ciabatti, Francesco Costa, Ernesto Ferrero, Walter Fontana, Pietro Galeotti, Fabrizio Gifuni, Paolo Giordano, Silvio Orlando, Nunzia Palmieri, Valeria Parrella, Massimo Recalcati, Antonella Sbrilli, Irene Soave, Bruno Tognolini, Enrico Vaime, Marina Viola saranno i protagonisti di questa terza edizione.

Due saranno poi le mostre allestite, Abab. La stanza dei giochi di Alighiero e Agata Boetti (che sarà inaugurata il 22 settembre) e l’esposizione delle copertine della rivista satirica Linus, entrambe ad ingresso gratuito. Sul sito della manifestazione invece, come pre-acquistare i biglietti ai vari eventi.

(Visitato 509 volte, 1 visite oggi)

Notte di fulmini

I bambini di Chernobyl tornano a Pietrasanta, 27 piccoli in vacanza sul litorale versiliese