l PD Pietrasanta interviene sulla questione della gestione della Fondazione Versiliana, affermando “la fallimentare gestione del centrodestra”.

Prima di intervenire nel merito del finanziamento del Comune alla Fondazione Versiliana per il prossimo anno, va fatta una precisazione: nel 2017 Pietrasanta ha versato alle casse della Fondazione ben 700.000 euro, di cui 480.000 a fondo perduto e 220.000 per l’organizzazione di manifestazioni. Una cifra enorme, superiore di circa 300.000 euro a quelle che mediamente venivano erogate alla Fondazione dall’Amministrazione di centrosinistra. Con l’approvazione di chi, come l’ex capogruppo di “Pietrasanta prima di tutto”, Giovannetti, definiva “baracconi” gli enti comunali gestiti dal centrosinistra quando era all’opposizione.

E questo spreco di risorse pubbliche è stata la diretta conseguenza di un andamento fallimentare negli ultimi due anni delle stagioni della Versiliana, di cui è pienamente responsabile il direttore artistico.

Simoni non è riuscito ad ottenere neanche i fondi provenienti dal FUS, privilegiando una programmazione sgangherata, di bassa qualità, mirata esclusivamente all’audience “qui e adesso” e nonostante questo incapace di attrarla, anziché lavorare un po’ di più per tentare di allestire un cartellone serio, di qualità, all’altezza della sua fama e capace di confermarsi nel tempo. Il risultato è dunque tristemente noto: il festival della Versiliana è probabilmente l’unico in Italia in cui il compenso del direttore è più alto degli incassi stessi!

A questo quadro desolante bisogna aggiungere che, nonostante gli oltre 700.000 euro provenienti direttamente dalle tasche dei pietrasantini, in data 28 settembre 2017 la fondazione ha inviato al Comune a mezzo email un prospetto di pre-consuntivo delle spese di gestione da cui si deduce uno sbilancio negativo di circa Euro 360.000,00. Questo si legge nella delibera di giunta comunale n.424 del 2 ottobre 2017, tale da rendere necessario il ripiano di questa importante perdita con i soldi dei cittadini toscani con altri 200.000,00 derivanti dalla Regione.

Ma non erano Mallegni & C. a dire che, andando via, avrebbero lasciato tutti i conti in ordine?!

E’ normale dunque che il Commissario Prefettizio abbia deciso di ridimensionare i contributi alla Versiliana, che ha sicuramente bisogno di essere rivista ed aggiornata nella formula e nell’organizzazione, cosa che l’attuale Direttore artistico ha dimostrato di non essere capace di fare, ma che rappresenta ancora e in prospettiva una importante risorsa per la cultura e per il turismo nel panorama versiliese su cui è necessario investire in maniera attenta e oculat”

Daniela Ferrieri

PD Pietrasanta

(Visitato 151 volte, 1 visite oggi)
TAG:
fondazione versiliana pd pietrasanta politica versiliana

ultimo aggiornamento: 17-11-2017


Istituto Comprensivo Pietrasanta. “Il PD sta con le famiglie e la scuola”

Politica, nasce la lista Provincia civica e progressista