Una bella mente quella di Nicola Neri, giovane scienziato pietrasantese, che con il suo progetto SELDOM è risultato vincitore di uno dei prestigiosi e ambitissimi finanziamenti dello European Research Council: un ERC dell’importo di quasi 2 milioni di euro (1.933.750 €). Il Commissario Giuseppe Priolo si congratula con il ricercatore della Sezione INFN di Milano. “Un grande risultato – ha detto Priolo – auguro a Nicola di proseguire nel suo cammino di ricerca con questi grandi risultati. Un vero orgoglio e vanto per la città di Pietrasanta ed il nostro Paese”.

Dell’importante riconoscimento ne parla in un apposito articolo, il sito di INFN, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Il progetto SELDOM propone un nuovo metodo sperimentale per indagare l’asimmetria tra materia e antimateria, attraverso lo studio di alcune particolari particelle: i barioni pesanti. “Sarà la prima ricerca del suo genere, realizzata utilizzando il rivelatore LHCb al CERN”: sottolinea Neri. Una sfida scientifica affascinante.

Citando testualmente l’articolo, Nicola Neri è un ricercatore INFN della sezione di Milano dal 2011 e coordina un gruppo di ricerca che prende parte all’esperimento LHCb. È responsabile italiano della costruzione del rivelatore Upstream Tracker per il potenziamento dell’esperimento LHCb in programma per il 2020, e partecipa allo sviluppo di un rivelatore a pixel di nuova generazione per il progetto High Luminosity LHC che prevede l’aumento e il miglioramento delle prestazioni dell’acceleratore. Neri si è formato all’Università di Pisa e in quegli anni ha partecipato all’esperimento BaBar presso il laboratorio SLAC in California (USA). Ha contribuito direttamente alle misure di violazione della simmetria di Carica e Parità (CP) e dell’oscillazione di sapore che hanno confermato la validità del meccanismo CKM (dagli autori Cabibbo, Kobayashi e Maskawa) che spiega il mescolamento dei quark e la violazione di CP all’interno del Modello Standard, per il quale Kobayashi e Maskawa hanno ricevuto il premio Nobel nel 2008. Dal 2013 è membro dell’esperimento LHCb al CERN, dove quest’anno ha lavorato con la qualifica di Scientific Associate.

(Visitato 156 volte, 1 visite oggi)
TAG:
pietrasanta scienza

ultimo aggiornamento: 21-12-2017


Controllo del fisco sui terreni, Cia a fianco dei proprietari

Pietrasanta, torna il Camel Ponce