La Lega Nord -Coordinamento comunale di Pietrasanta  interviene, con un comunicato stampa, sulla questione migranti a Capriglia.

” I numeri parlano chiaro: nel corso del 2017 sono sbarcati sulle coste italiane circa 120.000 migranti.
Di questi, solo 5.000 si sono visti riconoscere lo status di rifugiato, cioè di persone che effettivamente fuggono dalla guerra e che quindi meritano aiuto e assistenza.
E gli altri 115.000? Quelli non fuggono da nessuna guerra. Sono piuttosto stati sedotti dal moderno schiavismo che promette loro una vita relativamente facile: in Italia troveranno vitto, alloggio, abiti, TV ed internet gratis.
Il “prendersi cura” di questi disgraziati consente lautissimi guadagni. Se ai migranti di soldi in tasca ne vanno pochi, le Ong, le Onlus e le Cooperative che li gestiscono fanno invece quattrini a palate.
Le cifre del business dell’immigrazione sono stratosferiche, si parla di circa 10 miliardi di euro l’anno.
E sono tutti soldi pubblici. Cioè nostri. Soldi che a nostro avviso andrebbero invece spesi, ad esempio, per aiutare le famiglie e le piccole imprese italiane in difficoltà.
La macchina dell’accoglienza è stata organizzata in modo diabolicamente perfetto. Come ampiamente dimostrato, le navi delle Ong vanno a prelevare gli schiavi sulle coste libiche e li portano in Italia – magari raccontando che invece li hanno salvati nel canale di Sicilia -; arrivati in Italia, inizia lo smistamento. Come accadeva secoli fa in Usa con l’arrivo degli schiavi africani, oggi sono le varie Cooperative ed altri enti “benemeriti” a spartirsi il mercato della distribuzione e della sistemazione di questi baldi giovanotti sul territorio italiano, come abbiamo visto anche qui in Versilia.
È chiaro a tutti – o almeno dovrebbe esserlo – che non c’è nessuna carità a monte e nessuna integrazione a valle. L’unica cosa che conta sono i tanti soldi che girano nel mezzo.
E intanto gli italiani in difficoltà stentano ad arrivare alla fine del mese senza nessuno che li aiuti, mentre la criminalità aumenta ovunque in modo esponenziale.
Per quanto riguarda Capriglia, abbiamo appreso che la prefettura – con una decisione assai singolare – attenderà l’esito delle elezioni per decidersi ad inviare o meno i migranti.
Sembra quasi temano che dopo il 4 marzo la Lega possa stoppare questo perverso business.
Hanno ragione: quando saremo al governo, sia dell’Italia che del nostro Comune, questo business finirà, una volta per tutte.”

Lega Nord
Coordinamento comunale di Pietrasanta

(Visitato 4.209 volte, 1 visite oggi)
TAG:
capriglia lega nord migranti pietrasanta politica

ultimo aggiornamento: 02-02-2018


“Al paese servono scarpe da ginnastica, non mocassini”

PD: “Pietrasanta è ancora una terra dell’accoglienza”