Nel 2017 sono stati esportati beni e servizi per quasi 3,9 miliardi di euro da parte delle imprese della provincia di Lucca, un valore in crescita del +3,5% rispetto a quanto registrato nel corso del 2016, quando le vendite all’estero provinciali avevano fatto segnare un ripiegamento dopo il record storico raggiunto nel 2015.

In Toscana l’andamento delle esportazioni è risultato poco migliore (+4,2%), mentre a livello nazionale ha toccato il +7,4%, dovuto in larga misura all’incremento in valore delle vendite di prodotti petroliferi raffinati. Nel dettaglio regionale, si evidenziano incrementi a due cifre per Livorno, Siena e Grosseto, province con valori di export inferiori a Lucca, mentre solamente Massa Carrara e Arezzo fanno segnare diminuzioni.

La ripresa delle vendite all’estero provinciali nel 2017 è legata al positivo andamento di alcuni tra i principali settori produttivi locali, in particolare la nautica, la metallurgia e il cartario, mentre per la meccanica, il calzaturiero e il lapideo si sono registrate diminuzioni.

Questa in sintesi l’analisi dell’Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Lucca sui dati sul commercio estero diffusi da ISTAT.

Anche nel 2017 la lenta ma progressiva ripresa dell’economia lucchese è passata dall’export, che si è confermata la componente più dinamica dell’economia provinciale, ma per una ripresa diffusa sembra mancare ancora un deciso rilancio del mercato interno.

La ripresa delle vendite all’estero registrata nel 2017 – osserva Giorgio Bartoli, Presidente della Camera di Commercio di Lucca – testimonia che l’economia provinciale sembra aver finalmente imboccato la strada della crescita. Le attuali incertezze circa le politiche protezionistiche ventilate dall’amministrazione statunitense rischiano però di frenare sul nascere la ripresa, in quanto a fare le spese di tali misure potrebbero essere sia le imprese che i consumatori.”

Il cartario ha segnato un incremento del +2,9%, confermandosi primo settore per vendite all’estero con 964 milioni di euro, grazie al deciso aumento nelle vendite di pasta da carta, carta e cartone (+8,6%) che ha più che compensato il lieve calo degli articoli in carta e cartone (-0,7%). La meccanica si è confermata secondo settore per export (706 milioni), nonostante la flessione del -5,5% nell’anno dovuta principalmente alla contrazione delle vendite all’estero di macchine per impieghi speciali (-12,3%). In decisa ripresa le vendite all’estero della cantieristica (575 milioni di euro), che nel 2017 sono cresciute del +23,1% recuperando la perdita subita nel 2016 (-27,4%); si tratta comunque di un andamento di difficile interpretazione in quanto legato alla fatturazione di commesse solitamente pluriennali. Il comparto alimentare (299 milioni) evidenzia invece una sostanziale stabilità (+0,3%) nonostante un lieve calo nelle vendite di olio di oliva, di semi ecc. (-2,5%); l’industria della fabbricazione di materiale elettrico e meccanica di precisione è cresciuta del +4,2% (242 milioni) mentre l‘industria metallurgica (229 milioni) ha visto un incremento delle esportazioni del 36,9%, determinate dalla decisa ripresa del valore delle vendite di prodotti in rame (+41,4%). Crescono anche l‘industria chimica (+15,3%, grazie al +18,1% della farmaceutica) e la gomma e plastica (+13,1%).

Permangono le difficoltà per il sistema moda: le vendite all’estero del cuoio e calzature (221 milioni) sono diminuite del -9,3%, mentre per il tessile e abbigliamento la flessione ha raggiunto il -10,5%.

Tornano infine a flettere anche le vendite all’estero dell’industria lapidea, del vetro e delle pietre estratte, scese a 187 milioni per un -3,4% rispetto al 2016 per il negativo andamento del lapideo (-11,4%; 131 milioni).

L’Europa si conferma la prima area di destinazione dell’export provinciale con 2.413 milioni di euro, in recupero del +7,1% rispetto al 2016: crescono in particolare gli scambi sia verso l’Area UE28 (+6,4%; 2.095 mln) che verso i paesi non comunitari (+11,8%; 318 mln), con un forte incremento delle vendite di natanti e prodotti della metallurgia. Il discontinuo andamento delle commesse della nautica influenza la dinamica degli scambi verso il continente americano (-11,8%; 817 mln), con una forte flessione del mercato nordamericano (-30,9%; 414 mln), in parte controbilanciata da un’elevata crescita dell’America centro-meridionale (+23,1%; 403 mln). In lieve aumento le vendite verso l’Africa (+3,2%; 121 mln), mentre crescono significativamente le vendite verso l’Asia (+12,4%; 479 mln) e l’Oceania (+52,7%; 69 mln).

Settore Cartario

Le importazioni provinciali hanno registrato un andamento stagnante nel 2017, con un incremento limitato al +0,4% che ha portato a quota 1.896 milioni di euro il valore degli acquisti dall’estero nei dodici mesi. Per la Toscana la dinamica risulta migliore, con una crescita del +5,5%, mentre a livello nazionale il valore degli acquisti dall’estero è salito del +9,0%.

La stagnazione degli acquisti dall’estero provinciali risulta ancora determinato dal contrastante andamento di alcuni tra i principali settori di trasformazione dell’economia lucchese. In particolare il cartario (680 milioni di euro) ha segnato un incremento del +9,7%, determinato dalle tensioni presenti sul mercato della cellulosa (domanda asiatica crescente e fermo produttivo di alcuni impianti di produzione) che hanno portato a un pesante rincaro delle fibre. In crescita anche l’industria alimentare (276 milioni, in prevalenza olii), che ha incrementato gli acquisti del +16,5%, e la meccanica (144 milioni) salita del +12,1%. In lieve aumento anche gli acquisti dall’estero dell’industria chimica e farmaceutica (+0,6%), nonostante il calo della farmaceutica (-15,2%), del lapideo, vetro e pietre estratte (+4,7%) e dei prodotti agricoli, della caccia e della pesca (+14,4%), mentre l’industria del materiale elettrico e meccanica di precisione è rimasta stabile.

I settori che fanno invece registrare un calo delle importazioni provinciali sono lindustria metallurgica (127 milioni), in forte flessione (-29,6%), il cuoio e calzature (15,9%), il tessile e abbigliamento (-14,7%), la gomma e plastica (-8,8%) e la cantieristica che diminuisce gli acquisti dall’estero di oltre il 60%.

Gli acquisti dai paesi europei (1.277 mln) restano stazionari, malgrado un lieve calo per quelli non UE (-3,2%; 70 mln), mentre si registra un calo dell’import dall’America settentrionale (-5,3%; 156 mln) più che compensato dall’area centro-meridionale (+6,4%; 287 mln). In diminuzione gli acquisti dall’Asia (-5,8%; 137 mln), in crescita quelli da Africa e Oceania.

Esportazioni della provincia di Lucca per i principali settori e prodotti. Anni 2016 e 2017.
Valori in euro, incidenza e variazioni %

EXPORT

Anno 2016

Anno 2017

Variaz.%

Valore

incid.%

Valore

incid.%

Ind. Carta

936.983.178

24,9

964.237.552

24,7

2,9

di cui Pasta da carta, carta e cartone

359.556.434

9,5

390.634.813

10,0

8,6

Articoli di carta e di cartone

577.426.744

15,3

573.602.739

14,7

-0,7

Ind. Meccanica

746.873.809

19,8

705.906.354

18,1

-5,5

di cui Macchine per impieghi speciali

599.315.315

15,9

525.372.839

13,5

-12,3

Ind. Cantieristica

466.845.378

12,4

574.706.034

14,7

23,1

Ind. Alimentari e tabacco

298.024.421

7,9

298.923.167

7,7

0,3

di cui Olio di oliva, di semi, etc

231.422.087

6,1

225.705.370

5,8

-2,5

Fabbric. mat. elettrico e mecc. di precisione

232.065.979

6,2

241.926.214

6,2

4,2

Ind. Metallurgica

167.569.689

4,4

229.347.225

5,9

36,9

di cui Rame ed altri minerali

114.227.677

3,0

161.531.041

4,1

41,4

Ind. Cuoio e Calzature

243.337.076

6,5

220.792.294

5,7

-9,3

di cui Ind. delle Calzature

211.985.213

5,6

188.620.328

4,8

-11,0

Ind. Lapidea, del Vetro, Pietre estr.

194.170.499

5,2

187.489.611

4,8

-3,4

di cui Ind. Lapidea

148.373.865

3,9

131.499.689

3,4

-11,4

Pietre estratte sabbia argilla

27.836.340

0,7

35.057.262

0,9

25,9

Ind. del vetro, mat. costruzione etc.

17.960.294

0,5

20.932.660

0,5

16,5

Ind. Chimica e delle vernici e farmac.

146.452.865

3,9

168.816.057

4,3

15,3

di cui Farmaceutici

111.814.806

3,0

132.089.952

3,4

18,1

Ind. Tessile e Abbigliamento

110.508.095

2,9

98.910.379

2,5

-10,5

di cui Prodotti tessili

15.118.147

0,4

11.080.162

0,3

-26,7

Articoli a maglia

12.981.364

0,3

13.570.992

0,3

4,5

Articoli di abbigliamento

82.408.584

2,2

74.259.225

1,9

-9,9

Ind. Gomma e Plastica

72.908.886

1,9

82.487.884

2,1

13,1

Altre attività economiche (1)

152.680.914

4,1

125.308.544

3,2

-17,9

TOTALE PROVINCIA LUCCA

3.768.420.789

100,0

3.898.851.315

100,0

3,5

TOTALE TOSCANA

33.351.447.216

34.760.540.522

4,2

TOTALE ITALIA

417.268.909.969

448.106.664.115

7,4

Fonte: Istat – Banca dati COE – Elaborazioni Ufficio Statistica CCIAA di Lucca

(1) Rientrano in questo raggruppamento: Agricoltura e pesca, Minerali energetici e non, Attività professionali e sociali, Ind. del Legno, Prodotti dell’editoria e della stampa, altri Mezzi Trasp., Altre Ind. Manifatt. non altrove classificate.

Dati 2016 definitivi e 2017 provvisori.

Informazioni estratte in data 12 marzo 2018
Importazioni della provincia di Lucca per i principali settori e prodotti. Anni 2016 e 2017.
Valori in euro, incidenza e variazioni %

IMPORT

Anno 2016

Anno 2017

Variaz.%

Valore

incid.%

Valore

incid.%

Ind. Carta

619.442.117

32,8

679.534.698

35,8

9,7

di cui Pasta da carta, carta e cartone

602.930.485

31,9

660.855.428

34,9

9,6

Articoli di carta e di cartone

16.511.632

0,9

18.679.270

1,0

13,1

Ind. Alimentari e tabacco

236.501.201

12,5

275.566.006

14,5

16,5

di cui Olio di oliva, di semi, etc

181.982.387

9,6

218.160.619

11,5

19,9

Ind. Chimica e delle vernici e farmac.

247.944.498

13,1

249.317.228

13,1

0,6

di cui Farmaceutici

116.708.955

6,2

99.020.871

5,2

-15,2

Ind. Meccanica

128.709.451

6,8

144.295.139

7,6

12,1

di cui Macchine per impieghi speciali

69.384.574

3,7

69.728.328

3,7

0,5

Ind. Metallurgica

179.696.924

9,5

126.527.344

6,7

-29,6

di cui Rame ed altri minerali

149.724.365

7,9

105.491.679

5,6

-29,5

Ind. Cuoio e Calzature

102.166.843

5,4

85.872.932

4,5

-15,9

di cui Ind. delle Calzature

82.340.122

4,4

67.485.045

3,6

-18,0

Fabbr. Mat. elettrico e mecc. di precisione

63.246.960

3,3

63.230.761

3,3

0,0

Ind. Tessile e Abbigliamento

62.410.741

3,3

53.220.551

2,8

-14,7

Ind. Lapidea, del Vetro, Pietre Estr.

34.944.808

1,9

36.575.029

1,9

4,7

di cui Ind. Lapidea

6.411.587

0,3

6.461.015

0,3

0,8

Pietre estratte sabbia e argilla

16.697.070

0,9

16.463.852

0,9

-1,4

Ind. del vetro, mat. costruzione etc.

11.836.151

0,6

13.650.162

0,7

15,3

Prodotti agricoli, caccia e pesca

31.145.243

1,6

35.069.007

1,8

12,6

Ind. Gomma e Plastica

36.884.658

2,0

33.657.202

1,8

-8,8

Ind. Cantieristica

46.148.098

2,4

14.812.518

0,8

-67,9

Altre attività economiche (1)

98.864.579

5,2

98.346.405

5,2

-0,5

TOTALE PROVINCIA LUCCA

1.888.106.121

100,0

1.896.024.820

100,0

0,4

TOTALE TOSCANA

21.755.253.110

22.958.327.018

5,5

TOTALE ITALIA

367.625.794.934

400.658.860.309

9,0

Fonte: Istat – Banca dati COE – Elaborazioni Ufficio Statistica CCIAA di Lucca

(1) Rientrano in questo raggruppamento: Minerali energetici e non, Attività professionali e sociali, Ind. del Legno,

Prodotti dell’editoria e della stampa, altri Mezzi Trasp., Altre Ind. Manifatt. non altrove classificate.

Dati 2016 definitivi e 2017 provvisori.

Informazioni estratte in data 12 marzo 2018

(Visitato 72 volte, 1 visite oggi)
TAG:
dispalla

ultimo aggiornamento: 16-03-2018


Lutto tra gli albergatori di Lido

Agricoltura, un premio in denaro alle start-up di giovani