Sabato (24 marzo), nella Sala riunioni della Croce Verde di Viareggio, si è svolta l’assemblea provinciale dell’Associazione nazionale pensionati della Cia Toscana Nord. Un appuntamento che ha sempre rappresentato un importante momento di confronto su temi ‘caldi’ come quelli che riguardano i pensionati, ma che, quest’anno, ricopriva ancora maggiore importanza, poiché ha sancito il cambio della guardia alla presidenza dell’Anp.

Dopo vent’anni, infatti, Renzo Luporini ha lasciato la presidenza nelle mani di Giovanna Landi che è stata eletta alla guida dei pensionati Cia. All’assemblea, oltre al presidente regionale dell’Anp-Cia, Alessandro Del Carlo, il vicepresidente Cia Toscana Nord, Daniele Dirindoni e al direttore Alberto Focacci, erano presenti anche Valter Alberici e Gabriele Tomei, rispettivamente vicesindato e assessore al Sociale del Comune di Viareggio.

Giovanna Landi – pensionata solo da qualche mese e prima responsabile di ‘Donne il Campo’, dove è riuscita a portare alla ribalta nazionale progetti quali l’Agricatering – nella sua relazione programmatica ha evidenziato quale sia suo obiettivo primario non solo il mantenere l’alto livello di attività dell’Anp, ma incrementarlo ancor più, importando quello che è stato il ‘modello-Donne in campo’ e, cioè, «creare un affiatato gruppo di persone – come lei stessa ha spiegato – che lavora su progetti concreti da realizzare, coinvolgendo sempre più anche la base associativa».

Se da una parte Landi vuole intensificare i rapporti con gli enti, affermando in maniera sempre più preminente il ruolo del sindacato quale interlocutore fondamentale sulle tematiche che riguardano il mondo degli anziani, dall’altro intende ampliare l’azione del sindacato stesso, poiché l’Anp-Cia rappresenta tutte le categorie di pensionati e, pertanto, deve saper dare delle risposte anche a questi.

Ha, quindi, elencato alcuni dei principali temi che affronterà fin da subito, tra i quali spiccano l’innalzamento delle pensioni minime, il mantenimento della quattordicesima mensilità, la valorizzazione del ruolo attivo del pensionato, l’assistenza sanitaria ancora inadeguata per una popolazione che invecchia sempre più, i servizi socio-sanitari, senza dimenticare l’importante attività più ‘conviviale’, fatta di appuntamenti e occasioni di confronto che «rappresentano anch’essi ‘l’invecchiamento attivo’ che è fondamentale per garantire una buona qualità della vita per il pensionato», come lei stessa spiega.

E’ seguito un dibattito al quale hanno preso parte molti iscritti che hanno portato la loro esperienza ed evidenziato quei problemi che si trovano a vivere quotidianamente.

Al termine dell’assemblea, è stata proclamata l’elezione della nuova presidente: alla neo-eletta vanno i migliori auguri di buon lavoro da parte di tutta la Cia Toscana Nord.

(Visitato 44 volte, 1 visite oggi)