C’ERA una volta l’Ancora, una delle società di settore giovanile (e anche dilettantistico) del pallone locale. Una piccola società che si reggeva sulla passione – un cliché tipici di queste realtà – di pochi ma appassionati dirigenti pronti sempre a frugarsi in tasca per garantire la vita quotidiana del club. Una piccola società che trenta anni fa collezionò un grande risultato sportivo a livello di Comitato locale Figc vincendo il titolo versiliese Allievi superando, ai calci di rigore nella finalissima di Forte dei Marmi, il Camaiore. Racconta l’allenatore Silvio Ferrara, un tecnico che per passione ha conservato i tabellini (formazioni, arbitri e marcatori) delle oltre cinquecento partite vissute dalla panchina, guidando i ragazzi dell’Ancora: ‘Era proprio un bel gruppo con ragazzi molto promettenti, che davano sempre tutto in ogni partita’.

TRENTA ANNI dopo, con quei ragazzi diventati uomini, è stata organizzata al ristorante-pizzeria ‘La Taverna del Calcio’, una serata-revival di quel titolo versiliese Allievi. ‘E’ stato bello ritrovarsi’ hanno detto i ragazzi di quel tempo. Una bellezza anche emozionante ricordando i ‘momenti di gloria’ vissuti assieme. Fra i presenti anche il dottor Michele Gemignani, che trenta anni fa era il medico sociale dell’Ancora. Anche lui ne ha fatta di strada.

 

Una torta-ricordo ha chiuso la serata con un bel brindisi che ha visto protagonisti tutti (gli assenti erano comunque giustificati, ragazzi del ’71 e ’72) coloro che quel giorno misero la firma sul titolo versiliese: Simonini, Lugli, Marchi, Santini, Chiola, Duccini, Codecasa, Remedi, Dati, Leva, Cortopassi (questa la formazione che scese in campo). E ancora Michelotti, Pardini, Cerri, Vecoli, Guidi, Lippi, Gabrielli, Panconi, Agostini.

 

(Visitato 356 volte, 1 visite oggi)